Cotto Pratigliolmi pronta per andare all'asta. 52 operai in disoccupazione

Nel luglio del 2018 è arrivata la messa in liquidazione e nel febbraio 2019 la situazione si è ulteriormente aggravata con il sequestro dell'impresa a causa dell'Iva non pagata. Da ultimo ecco la dichiarazione di fallimento

La Cotto Pratigliolmi di Faella il prossimo 26 marzo andrà all'asta. E' questo l'ultimo capitolo riguardante l'azienda di manufatti in terracotta che per decenni ha rappresentato un punto di riferimento per il mondo imprenditoriale locale. Ieri mattina Cgil, Cisl e Uil insieme ai 52 lavoratori in disoccupazione hanno incontrato il sindaco Enzo Cacioli al quale hanno rappresentato la situazione e chiesto di lanciare un appello affinché qualche imprenditore possa tendere loro una mano. Ma non solo. Le richieste rappresentate al primo cittadino sono anche quelle affinché gli ex dipendenti vengano aiutati a trovare un nuovo impiego visto che i più superano i 50 anni di età. 

La crisi, scoppiata nel 2010, portò l'azienda da prima a scegliere di ridurre il numero dei dipendenti, da 80 a 54, e poi richiedere l'attivazione di ogni forma di ammortizzatore sociale, il tutto cercando di riscattare e salvare quella realtà unica nel suo genere. Nel luglio del 2018 è arrivata la messa in liquidazione e nel febbraio 2019 la situazione si è ulteriormente aggravata con il sequestro dell'impresa a causa dell'Iva non pagata. Da ultimo ecco la dichiarazione di fallimento.

Adesso le ultime speranze sono quelle legate all'arrivo di un imprenditore che possa in qualche modo risollevare le sorti di questa realtà e preservarne la presenza nel mercato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tensione al supermercato: zuffa tra due signore, arrivano i Carabinieri

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Ghinelli a Firenze: "Proporrò la chiusura delle scuole"

  • Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

  • Coronavirus, primi casi in Toscana. Due tamponi positivi a Firenze e Pistoia

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento