Turismo, tiepida ripartenza: "Prenotazioni per agosto, ma solo da italiani". L'incognita del bonus vacanza

La campagna più gettonata rispetto alla città, in linea con la tendenza nazionale. E le strutture ricettive valutano le novità sul bonus vacanza comunicate negli ultimi due giorni

I telefoni delle strutture ricettive iniziano a squillare. Piano piano le prime prenotazioni arrivano, in questa ripartenza a dir poco timida del settore turistico. Dallo scorso 3 giugno, da quando cioè gli spostamenti sono di nuovo possibili in tutta la Penisola, gli addetti ai lavori attendono con il fiato sospeso. 

"Perché - spiega Laura Lodone di Confcommercio - sappiamo cosa ha fatto il Coronavirus al portafoglio degli italiani, ma non possiamo sapere cosa è accaduto nel loro cuore e quali decisioni adesso prenderanno". 

A circa 20 giorni dalla riapertura, nel primo giorno di stagione estiva, molte strutture sono vuote o a corto di prenotazioni. La città sembra quella che sta soffrendo maggiormente. 

"Migliore è la situazione nella campagna aretina - spiega Lodone - dove in effetti qualcosa si sta muovendo. Iniziano ad arrivare prenotazioni soprattutto per il mese di agosto e quasi esclusivamente da turisti italiani". 

Restano in brusca frenata gli arrivi dall'estero. I voli sono ancora pochi e in molti Paesi europei ed extraeuropei - come Gran Bretagna e Stati Uniti, che sono tra i mercati di riferimento - l'epidemia non ha ancora allentato la sua morsa. Tutto bloccato dunque in termini di viaggi e visitatori. 

"Come detto, ad essere più in difficoltà sono le strutture cittadine - spiega Lodone -. Ma  questonon è un fenomeno solo aretino: anche a Firenze sta accadendo la stessa cosa".

Chi è rimasto intrappolato nelle città durante il lockdown sembra voler approfittare delle vacanze per godersi finalmente la campagna (in altre parti d'Italia, vale lo stesso per mare e monti). Altri invece attendono ancora di capire se e quando potranno andare in vacanza: in questo caso potrebbero essere determinanti le prenotazioni dell'ultimo minuto. Il tutto però resta riferito al mercato interno italiano, perché per chi viene dall'estero le variabili sarebbero tante e tali da non incoraggiare le partenze. 

E il bonus vacanza? Le linee guida sono state comunicate due giorni fa e le strutture ricettive dell'Aretino stanno valutando attentamente se e come aderire. Quello che è chiaro è che il contributo potrebbe interessare una fascia ampia dei vacanzieri. Il tetto di 40mila euro di Isee infatti è quello a cui fa riferimento una famiglia media italiana. D'altro canto però pare complesso il meccanismo per utilizzarli e le strutture devono capire se riusciranno a gestirlo in modo corretto. 

Il bonus scatterà dal 1 luglio. E da allora si potrebbe capire se parte della stagione turistica sarà recuperabile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta invece bloccato tutto quel turismo legato ai convegni, alle fiere e anche ai grandi eventi sportivi che negli ultimi anni ha riempito le camere degli alberghi aretini. Le prenotazioni, in assenza di iniziative, latitano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento