Confesercenti, è ripresa saldi: "Secondo weekend meglio di quello d’avvio"

Sondaggio dell'associazione: dopo due settimane dall’inizio degli sconti è stata evidenziata una ripresa di vendite a prezzi scontati dopo una partenza con il freno tirato

"Il secondo weekend di saldi estivi è andato meglio del primo dell’avvio". Lo riferisce Confesercenti Arezzo, secondo cui il sondaggio fatto tra le vetrine cittadine, dopo due settimane, dall’inizio degli sconti, "ha evidenziato una ripresa di vendite a prezzi scontati dopo una partenza con il freno tirato".

Dall’indagine condotta dall’associazione di categoria - aggiunge il vicedirettore di Confesercenti Valeria Alvisi - emerge una partenza fiacca nei primi giorni. La situazione è progressivamente migliorata nei giorni successivi ed adesso le vendite stanno recuperando per allinearsi ai livelli dello scorso anno.

Il secondo weekend di vendite a prezzi scontati ha visto maggior movimento tra i negozi. C’è quindi attesa nel vedere proseguire le vendite durante le prossime settimane.

I saldi rimangono - commenta Valeria Alvisi - per i commercianti un periodo utile a prendere una boccata di ossigeno anche se i margini di guadagno durante i saldi si riducano notevolmente. Nei negozi c’è infatti bisogno di liquidità per far fronte alle innumerevoli spese e tasse da pagare. È altrettanto vero che il periodo dei saldi non è sufficiente per recuperare una stagione negativa, caratterizzata da un basso livello di vendite a causa di un maggio freddo.

A far da traino comunque restano le iniziative capaci di unire le occasioni di incontro tra commercianti e clientela in un’ottica anche di fidelizzazione. Tra i negozi secondo l’indagine di Confesercenti c’è chi vede favorevolmente le iniziative serali come spinta per le vendite.

Lo shopping notturno però - puntualizza Valeria Alvisi - secondo alcuni commercianti, che hanno risposto al sondaggio, dovrebbe essere prolungato, in quelle circostanze, fino all’una di notte. 

A far discutere invece tra le vetrine i commercianti è l’annosa questione della data di avvio dei saldi di fine stagione siano estivi che invernali.

Per alcuni è importante posticiparla - conclude il vicedirettore di Confesercenti - per altri no. C’è infatti chi ritiene che dovrebbero essere veramente vendite di fine stagione, e quindi iniziare gli sconti un mese dopo, e chi invece ritiene che ormai la clientela è rivolta a fare acquisti a prezzi scontati e quindi posticiparli significherebbe perdere una parte di vendite. Tutti concordi invece sull’allineamento a livello nazionale. La data di partenza secondo i commercianti aretini deve essere uguale per tutte le regioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio digitale terrestre, cambia tutto per i televisori: come attrezzarsi

  • Una tempesta ferma due treni, sfonda finestrini e ferisce i passeggeri. Maxi esercitazione in provincia di Arezzo

  • Incidente lungo la Regionale 71. Due giovani ferite

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Runner 45enne in arresto cardiaco, ragazza in bici si ferma e gli fa il massaggio al cuore: salvato

  • Un aretino con Flavio Insinna all'Eredità su Rai Uno

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento