Cantarelli sbarca a Pitti Uomo. Ordinativi 2016 in crescita, i nomi dei tre potenziali acquirenti

Dal 10 al 13 gennaio anche la Cantarelli di Terontola è presente con la nuova collezione a Pitti Uomo 2017. L’azienda attualmente è in attesa di procedere con le manovre per la cessione ad un nuovo acquirente. Buono il morale dell’impresa visto che, senza raggiungere cifre da capogiro, i dati consuntivi al settembre 2016 attestano un aumento degli ordinativi rispetto all’anno precedente.

Claudia Failli
Claudia Failli
Invia per email  |  Stampa  |   11 gennaio 2017 10:00  |  Pubblicato in Economia, Valdichiana

Articoli correlati



cantarelli_terontola6

Il segno più davanti al numero degli ordinativi, rispetto all’anno precedente, c’è. Sulla qualità e sull’apprezzamento da parte del mercato nei confronti dei prodotti Cantarelli non si discute. Il marchio leader nel settore dell’abbigliamento per uomo continua a dettare moda.

L’azienda, anche nel momento di difficoltà attraversato negli ultimi anni, non ha mai chiuso i battenti e, soprattutto, ha sempre continuato a sfornare articoli che convincono buyer e investitori.
Un trend confermato anche dai dati consuntivi riguardanti gli ordinativi che, a settembre 2016, segnavano una leggera crescita rispetto all’anno precedente. Non numeri strabilianti ma cifre che fanno bene al morale dei lavoratori e degli amministratori dell’impresa.

Con questo spirito l’azienda, guidata dal commissario Leonardo Romagnoli, attende il nuovo acquirente e da ieri è presente a Pitti Uomo, appuntamento imperdibile per il settore e occasione unica per presentare la nuova collezione ed intrecciare rapporti commerciali.

Tornano al capitolo cessione, sono in tutto tre le offerte non vincolanti presentate da altrettanti soggetti che si sono interessati all’azienda aretina. Di questi l’unico nome noto da subito, per sua diretta ammissione attraverso le pagine della stampa locale, è quello di Emiliano Rinaldi. Apprezzato stilista e imprenditore nel settore della moda, già in passato è stato tra coloro che per primi avevano strizzato l’occhio al marchio Cantarelli. Gli altri due concorrenti invece dovrebbero essere Sartoria Toscana, azienda con sede a Rigutino e la Fin-Tes insieme ad Artini abbigliamento di San Giustino Valdarno.

In questa fase le proposte presentate non hanno alcun valore vincolante. I soggetti coinvolti potranno visionare la data room e conoscere meglio le condizioni di salute della Cantarelli. Soltanto in un secondo momento, forse a metà del mese di febbraio, potranno farsi avanti con le offerte vere e proprie (vincolanti). A quel punto si aprirà la fase di selezione e di affidamento.

Attualmente Cantarelli, con sede a Terontola, conta circa 260 dipendenti. Circa la metà del personale si trova in cassa integrazione mentre l’altra è al lavoro. Sono tre i cardini del bando per aggiudicarsi l’azienda: 50 punti su cento vengono assegnati alla migliore offerta economica, 30 su 100 alle migliori garanzie sull’occupazione, 20 su 100 al piano di rilancio.

 Claudia Failli 
Claudia FailliValdarnese di nascita e aretina di adozione. Cittadina del mondo grazie al web (cit.). Appassionata di fotografia, video e social network. Il mondo lo guardo da un oblò ma non mi annoio nemmeno un po'.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus