Bekaert, arriva la cassa integrazione anche per la ditta di pulizie in appalto

La nota di soddisfazione di Filcams-Cgil dopo la positiva conclusione della vicenda che riguarda Girolami srl

La nota di soddisfazione di Filcams-Cgil dopo la positiva conclusione della vicenda che riguarda Girolami srl.

Si è conclusa positivamente la vertenza dei 10 dipendenti Girolami srl, impresa appaltatrice dei servizi di pulizia presso Bekaert: oggi all’Agenzia Regionale Toscana per l’impiego, alla presenza del Funzionario, è stato siglato l’accordo, probabilmente il primo in assoluto, per il ricorso alla cassa integrazione per aziende appaltatrici servizi mensa e pulizie grazie all’impegno di tutti e anche grazie al decreto ministeriale emesso due giorni fa.

La vertenza dei lavoratori Girolami è iniziata in contemporanea con l’apertura della procedura di mobilità da parte di Bekaert, e ha visto recapitare tre lettere di licenziamento in pochi mesi, una ogni volta che Bekaert annunciava la chiusura, fino ad arrivare all’apertura della procedura di mobilità nel dicembre 2018. Durante la vertenza Bekaert, sostenuti anche dalla Fiom di Firenze, abbiamo partecipato alle iniziative che si sono susseguite; ricordiamo la presa di posizione forte della Fiom quando non volevano farci entrare all’assemblea in fabbrica con la presenza del Ministro del Lavoro, e abbiamo inseguito in tutti i modi la possibilità di veder modificate le norme in modo da poter far accedere anche i lavoratori degli appalti all’ammortizzatore sociale. Sono state coinvolte le istituzioni che si sono mostrate attente e disponibili a risolvere il problema, dalla Sindaca e dal consiglio comunale di Figline e Incisa Valdarno, all’ufficio del Ministero del Lavoro che ha emanato la circolare N. 5 del 27/03/2019 che garantisce l’accesso alla Cigs anche per le imprese appaltatrici, confermando un impegno preso in quell’assemblea davanti a tutti i lavoratori Bekaert e delle imprese in appalto, riconoscendo anche all’azienda Girolami un’assunzione di responsabilità sociale nei confronti dei dipendenti che si è manifestata nel prolungamento dei termini della procedura e nell’accogliere la richiesta di anticipo del pagamento della cassa stessa.

Tutto sempre con i lavoratori in prima linea e con il sostegno della Filcams e della CGIL tutta, che dimostra una volta di più l’importanza della confederalità della nostra organizzazione. Un ottimo risultato riteniamo di grande soddisfazione per tutta la comunità. Adesso l’attenzione deve rimanere alta per quanto riguarda la reindustrializzazione del sito, dobbiamo impegnarci tutti perché sia possibile ricollocare in un nuovo sito produttivo tutti i lavoratori e non accontentarci di una piccola parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Trasporto eccezionale perde lastre di cemento in curva. Chiuso lo svincolo al ponte dell'ex Lebole

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Schianto auto moto, due 19enni feriti: uno soccorso con Pegaso

  • Ciclista travolto da un'auto. La conducente: "Non l'ho visto", scatta la denuncia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento