Cresce il distretto dell'agroalimentare nella Toscana del sud. Un bando da 5 milioni di euro

La somma servirà a finanziare interventi per le imprese nelle province di Arezzo, Siena, Grosseto e Livorno

Il distretto rurale della Toscana del sud è divenuto pienamente operativo grazie all’approvazione da parte della Regione, lo scorso 20 marzo, del bando multi misura sui Progetti Integrati di Distretto (Pid) Agroalimentare. Uno strumento che mette a disposizione 5 milioni di euro per tutto il territorio regionale.

La somma servirà a finanziare interventi per le imprese nelle province di Arezzo, Siena, Grosseto e Livorno finalizzati ad incidere sulla crescita complessiva della filiera agroalimentare in termini di innovazione  e sviluppo qualitativo delle produzioni.

La Regione Toscana ha anche programmato due ulteriori opportunità di finanziamento: un secondo bando, in uscita nei prossimi giorni, con una dotazione anche in questo caso di 5 milioni di euro per sostenere gli investimenti in ricerca e sviluppo industriale ed un fondo rotativo per la concessione di aiuti in forma di prestito  per investimenti in ambiti di tecnologie innovative e sviluppo dell’industria 4.0.

Per favorire e promuovere le opportunità che il bando già attivo e quelli che saranno presto operativi possono offrire alle aziende aretine della filiera agroalimentare la Camera di Commercio di Arezzo-Siena (che ha aderito, assieme ad altri enti, associazioni e soggetti privati al distretto della Toscana del Sud) ha promosso un incontro, assieme alla diirezione dell’agricoltura e sviluppo rurale della Regione Toscana, con le  associazioni economiche di categoria aretine che ha avuto luogo lo scorso 15 aprile presso la sede dell’ente camerale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Analoghi incontri si sono tenuti a Grosseto e Siena nei giorni scorsi, con l’obbiettivo, confermato anche nella riunione aretina, di sensibilizzare le aziende alle possibilità offerte dai bandi e dallo stesso distretto rurale che rappresenta una delle più importanti realtà agroalimentari nazionali, anche per il volume delle esportazioni e che possiede ancora molte potenzialità di crescita e di maggiore integrazione con le aziende di trasformazione operanti nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento