Banca Etruria, Mugnai scrive alle Vittime del salva-banche: "Risparmiatori e dipendenti non siano avversari"

Il recente convegno alla Borsa merci ha rappresentato la tregua da risparmiatori e dipendenti Banca Etruria. Adesso la Cgil chiede un ulteriore passo in avanti, arrivando non solo alla "pace" ma soprattutto alla collaborazione. Annuncia il...

mugnai_alessandro

Il recente convegno alla Borsa merci ha rappresentato la tregua da risparmiatori e dipendenti Banca Etruria. Adesso la Cgil chiede un ulteriore passo in avanti, arrivando non solo alla "pace" ma soprattutto alla collaborazione.

Annuncia il segretario provinciale Alessandro Mugnai: "oggi ho scritto una lettera a Letizia Giorganni, Presidente del Comitato vittime del Salvabanche; a Pietro Ferrari, Presidente di Federconsumatori e a Claudio Viti, Segretario Fisac Cgil proponendo un incontro per verificare quale tratto di strada possiamo fare insieme nell'interesse di tutti".

Mugnai sottolinea che "risparmiatori e dipendenti sono facce della stessa medaglia. Vittime di una pessima gestione dirigenziale e di provvedimenti governativi sbagliati. Infatti il decreto "Salvabanche" ha danneggiato centinaia di risparmiatori e non ha scongiurato il pericolo occupazionale per i dipendenti. Qualora questo assumesse consistenza, saremmo di fronte ad un altro duro colpo assestato ad un territorio già duramente compromesso dalla crisi".

I prossimi mesi saranno, quindi, particolarmente delicati "e non è possibile - evidenzia Mugnai - che risparmiatori e dipendenti siano messi gli uni contro gli altri. Ribadiamo che qualora siano riscontrate responsabilità giuridiche di alcuni, questi dovranno rendere conto senza se e senza ma. Evitando, ovviamente, generalizzazioni che mettano tutti sullo stesso piano: chi ha sempre operato correttamente deve essere tutelato e difeso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così come i risparmiatori, danneggiati sia dai manager della banca che dal decreto del Governo, e che non possono essere raffigurati come speculatori o “giocatori di finanza”. Quelli che sono venuti nei nostri uffici e agli sportelli di Federconsumatori non hanno certamente queste caratteristiche: sono pensionati e lavoratori dipendenti che avevano affidato a Bpel tutti i loro risparmi. Oggi è fondamentale ristabilire quel necessario clima di fiducia tra il mondo del risparmio e quello bancario. E questo lo si può fare rendendo giustizia a chi è stato danneggiato, stabilendo regole più severe e trasparenti, non lasciando i lavoratori con il cerino in mano"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Animali 3D in casa grazie a Google. Come fare e l'elenco completo

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

  • Coronavirus, 27 nuovi tamponi positivi nell'Aretino. In città due casi

  • Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

  • Coronavirus, Ghinelli: "Tornano a crescere i contagi, restate a casa. Residenza per casi positivi al Planet? Chiedo chiarimenti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento