Deflazione globale all'orizzonte, ma i prezzi del cibo aumentano: ad Arezzo +0,2%

Nonostante la deflazione globale all'orizzonte, il costo dei generi alimentari aumentano in tutta italia. Notizia parzialmente mitigata nel territorio aretino, che rappresenta una tra le province più virtuose sul fronte dei rincari

Nonostante la deflazione globale all'orizzonte, il costo dei generi alimentari aumentano in tutta italia. Notizia parzialmente mitigata nel territorio aretino, che rappresenta una tra le province più virtuose sul fronte dell'aumento dei prezzi del cibo. Si registra un rialzo lieve, dello 0,2%, rispetto al periodo precedente al lockdown. Lo rivela un'indagine dell'Unione nazionale consumatori.

La panoramica nazionale

"Mentre l'Italia, per via del lockdown, è teoricamente in deflazione, con un'inflazione pari nel mese di maggio a -0,2%, il cibo, il solo bene realmente acquistabile anche prima della riapertura generale dei negozi, subisce rincari pesanti del 2,6%, con una maggior spesa annua di 145 euro per una famiglia media, 195 per una coppia con 2 figli, 175 per una coppia con 1 figlio, 95 per un pensionato con più di 65 anni", spiega l'Adnkronos.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dettaglio dell'Unc

L'Unione nazionale consumatori che ha stilato la classifica delle città e delle regioni che hanno registrato i maggiori rincari annui per quanto riguarda i prodotti alimentari, gli unici che durante l'emergenza Covid sono stati effettivamente venduti, subendo pesanti rincari. La città con i maggiori rincari alimentari è Caltanissetta, +6,4% su base annua, due volte e mezzo la media italiana, pari a +2,6%, città già in testa alla classifica di aprile con +5,7%. Al secondo posto, come lo scorso mese, Trieste, (+5,1%, era +5,3%) e al terzo Avellino e Trapani (+4,7% per entrambe). Le più risparmiose Siena, +0,2%, la città più virtuosa anche in aprile, a pari merito con Arezzo e Modena (+0,2%), seguono Bologna (+0,3%) e Reggio Emilia (+0,4%). Per quanto riguarda le regioni, il cibo più caro, in termini di aumento dei prezzi, si trova in Basilicata, +3,9%. Seguono Umbria, Lazio e Calabria (+3,4% per tutte), al terzo posto Campania e Sicilia (+3,3%). La regione migliore, l'Emilia Romagna, con un rialzo dei prodotti alimentari dello 0,9 per cento, poi Valle d'Aosta (+1,5%) e al terzo posto Veneto (+1,9%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus in due famiglie dell'Aretino, ordinanza di Rossi: "Trasferimenti negli alberghi sanitari o multe"

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento