Streetfood, al Prato cibo di strada dell’Italia e dal mondo. 170 prenotazioni con le guide in Fortezza

La festa del cibo di strada per il settimo anno anima la città toscana. Oltre 50 mila persone attese in tre giorni. Cultura è la parola chiave. Mengo Music Fest e Coldiretti con la Banda dei Piccoli Chef e le Fiabe animeranno il programma del Prato

Enrica Cherici
Enrica Cherici
Invia per email  |  Stampa  |   14 settembre 2016 16:19  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo


Dal 16 al 18 settembre, presso il Prato di Arezzo, l’acropoli della città toscana, torna la settima edizione dello Streetfood Village. Dopo il successo del progetto “4wheels” dedicato ai foodtruck a primavera, al Parco Pertini, i cibi di strada targati “Streetfood” tornano ad animare la storica sede che da qualche mese si è riappropriata anche della splendida Fortezza. Oltre cinquanta cibi di strada presenti, non solo da tutta Italia, ma ormai anche dal mondo, poi anche musica, spettacoli e non mancheranno gli eventi culturali. Attesi in questa occasione oltre 50 mila “streetfoodies” aretini e non solo, perché il cibo di strada promosso dall’Associazione Streetfood crea interesse, porta gente in città e ormai da tutta Italia viene considerato un vero e proprio qualificatore territoriale. Nella tre giorni di Arezzo si potranno degustare sapori unici dell’unico cibo di strada certificato in Italia.

«Prima di questo abbiamo già segnato oltre 30 appuntamenti in tutta Italia con quasi un milione di partecipanti – spiega Massimliliano Ricciarini, presidente e fondatore di Streetfood – ma Arezzo rappresenta per il tour la vera festa nazionale del cibo di strada, questo grazie a una sempre più stretta e convinta collaborazione con l’Amministrazione Comunale che ringrazio ancora, e con le principali associazioni e realtà del territorio, come Coldiretti, Lilt e Mengo Music Fest. Completeranno il programma le fiabe animate con attori vestiti da personaggi Disney e Pixar».

«Streetfood – ha sottolineato l’assessore al turismo, attività produttive e commercio Marcello Comanducci – è diventato un evento fisso nel calendario delle manifestazioni cittadine, sempre con molto successo di pubblico. Per questa edizione abbiamo pensato, d’accordo con gli organizzatori, a una nuova disposizione dei banchi al Prato per garantire una migliore fruizione da parte dei numerosi visitatori ».

I cibi di strada

Tra i prodotti in degustazione si parte rigorosamente da quelli tipici aretini promossi in questi anni dall’Associazione come i tortelli e le spianate casentinesi. Poi il giro d’Italia del cibo di strada comincia con le piade della Romagna, le bombette e la puccia pugliesi, gli arancini e il pane ca’ meusa siciliani. Dal nord la Farinata piemontese. Dalle Marche i fritti misti, con le olive in testa e il pesce di San Benedetto del Tronto (Ap), poi ancora gli arrosticini dall’Abruzzo senza dimenticare la parte internazionale: novità di questa edizione la cucina britannica con le mitiche Jack Potatoes e l’America con la carne cotta a bassa temperatura in stile Barbecue (BBQ) e il grande ritorno del dolce rumeno-ungherese Il Kurtos Kalacs. Particolare enfasi va data al notevole spazio che l’Associazione riserva alle attività aretine ambulanti e in sede fissa. Il tutto è accompagnato dalla Birra ufficiale, quella col marchio Streetfood.

Il programma

Si parte il venerdì pomeriggio alle ore 17 con l’apertura degli operatori e alle 18,30 con il taglio del nastro alla presenza delle autorità. Dalle 21 sul palco centrale si esibiranno gli Umagroso. Il sabato si riprende con l’apertura degli stand dalle 11. Alle 15.30 Alex Revelli animerà una storica sfida: “Griglia VS Barbeque, due stili di cottura a confronto”. Alle 17.30 il momento per i più piccoli con “Le Fiabe Animate” in collaborazione con Ferrara in Fiaba e dalle 21 i concerti selezionati dal Mengo Music Fest. La domenica sarà ancora il giorno della famiglia e dei bambini a partire dalle ore 11 con il panino di Campagna Amica e un programma di educazione alimentare per i più piccoli grazie alla collaborazione con Lilt Arezzo, Banda dei Piccoli chef e Coldiretti. Alle 21 musica live con la Ballantine Band e String Food Project.

SF_Arezzo_100x70

Alla scoperta del centro storico

Già superata quota 160 iscritti per l’appuntamento culturale promosso da Streetfood per conoscere il centro storico. Le visite guidate organizzate dalla guida turistica aretina Silvia Ruberto, responsabile del settore turismo dell’Associazione aretina Streetfood. Le visite, tenute insieme al collega Sandro Farinelli, sono previste nei giorni sabato 17 e domenica 18 settembre con partenza dal punto informazioni di Streetfood al Prato (furgoncino Birra Artigianale) alle ore 15 e alle 17 e la domenica anche alle 10 (Per info chiamare il numero 328 1198704).

Streetfood non è solo una carovana di attività di somministrazione cibi e bevande ma un’associazione culturale che nella propria città, Arezzo, prima ancora che in altre città del tour dal 2010 ad oggi, tiene a promuovere il cibo di strada come cultura e patrimonio storico e con esso le bellezze artistiche e architettoniche. Da citare le passate visite guidate al Museo Archeologico “Mecenate”, alla Chiesa di Santa Maria delle Grazie e al Duomo. Non meno importante la sinergia nel 2014 con Fraternita dei Laici e soprintendenza ai Beni Museali. In quell’anno fu ricostruito il Thermopolium presso l’anfiteatro romano di Arezzo, luogo di somministrazione alimentare di epoca romana. Tale evento collaterale fu di interesse del rotocalco Eat Parade del Tg2.

 

 Enrica Cherici 
Enrica ChericiAretina D.o.c.g., giornalista con la passione amaranto. Mamma consapevole, moglie.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus