“Selvaggiamente bambini”. La Casa sull’Albero si trasferisce, il calendario degli eventi e la marcia dei mostri

“Siamo ad Arezzo, al numero 15 di Via San Francesco e sarà qui che il 23 marzo prossimo, la libreria indipendente La casa sull’albero inaugurerà i nuovi spazi e insieme festeggerà i suoi primi quattro anni di attività. La libreria dedicherà al suo pubblico una kermesse di eventi culturali, incontri, spettacoli per omaggiare uno tra i più grandi autori di libri per bambini del ‘900, Maurice Sendak. “Selvaggiamente Bambini” è l’eloquente nome dedicato alle cinque giornate in calendario. Un avverbio ispirato al più popolare tra i titoli dell’autore “Nel paese dei Mostri Selvaggi”.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   18 marzo 2017 0:00  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo


Sarà da via San Francesco – a pochi passi dalla chiesa che custodisce uno dei più grandi capolavori rinascimentali e insieme nel raggio visivo di alcune tra le più celebri inquadrature de “La vita è bella” – che prenderà il via l’intenso programma di “Selvaggiamente bambini”. Una serie di eventi che, proprio come nel film premio Oscar, porranno al centro della scena i bambini e l’immaginazione. E perché no, anche la cultura.

Cinque intense giornate per inaugurare al meglio i nuovi spazi della libreria e insieme festeggiare i suoi primi quattro anni di attività nella città.

Tutti gli eventi in calendario sono stati pensati e organizzati dalla libreria, con la collaborazione dell’associazione Sosta Palmizi. Due soggetti accumunati dal credo che cultura e intrattenimento dedicato ai bambini non siano così difficili da conciliare. Forse in controtendenza rispetto al nuovo “sentire” che premia gli spazi digitali, entrambi credono fermamente che attraverso la lettura, il gioco, la rappresentazione e la condivisione si alimentino apprendimento e sviluppo intellettuale.

Agli appuntamenti in programma – che avranno ospiti i bambini dai tre anni in su, le loro famiglie, operatori culturali ma anche semplici curiosi, appassionati di letteratura – hanno dato un importante contributo una serie di professionisti e di autori, chiamati a comporre quello che è risultato un intenso mix di eventi, incontri, letture, improvvisazioni-live e creatività coreografiche che partiranno dalla libreria ma si estenderanno a tutta la città, creando un evento diffuso.

Il filo rosso dell’intera kermesse sarà la fervida e provvida immaginazione di Maurice Sendak. Un omaggio sentito all’opera dello scrittore definito tra i più grandi autori per bambini del ‘900, “Il paese del mostri selvaggi”, che ha ispirato il nome della rassegna.

“Selvaggiamente Bambini”. Omaggio a Maurice Sendak.
Il programma, da giovedì 23 a lunedì 27 marzo

Il primo appuntamento è previsto per giovedì 23 marzo presso La Casa sull’Albero, con Three stories and a cup of tea, tre storie tratte dal repertorio di Sendak, narrate in lingua originale dalla voce di Alessandra Valtieri, un’amica e sostenitrice dell’iniziativa, che potremo definire “un’accademica specialista” del gioco e delle sue forme narranti (suo è il volume Il coniglio di velluto: Guida narrata a giochi e giocattoli da 0 a 6 anni, ed. Giunti).
Quello delle letture accompagnate da una tazza di the, è un appuntamento a cui La Casa sull’Albero ha da molto tempo abituato i suoi frequentatori e, tra le diverse iniziative della libreria, è una di quelle che riscuote un successo costante, insieme ai laboratori ed agli atelier per bambini e ragazzi, dedicati alla valorizzazione del libro e dei suoi linguaggi.

Venerdì 24 marzo, sempre in libreria, è previsto l’incontro dedicato alla poetica e al percorso artistico di Maurice Sendak. Dalla Storia al Sogno. L’arte di Maurice Sendak. Una conversazione dedicata ad insegnanti e genitori con Elena Giacomin – co-founder de La Casa sull’Albero – e con il contributo di Grazia Gotti, una “pedagoga libraia”, co-fondatrice della libreria e della cooperativa culturale Giannino Stoppani (ha pubblicato “A scuola con i libri”. “Avventure di una maestra libraia”, ed. Rizzoli; “Ne ho vedute tante da raccontar”. “Crescere con i libri”, ed. Giunti).
L’appuntamento svelerà che Sendak, traeva ispirazione da alcune tra le più importanti opere artistiche della città di Arezzo e che non ha mai nascosto il suo amore per il Rinascimento e per l’arte italiana (proprio per le opere di Piero della Francesca e del suo capolavoro pittorico “Storia della vera Croce” realizzato per la chiesa di San Francesco) e nemmeno la sua curiosità verso il mistero del bronzo etrusco della Chimera, simbolo della città.
L’incontro si aprirà con un contributo video di Grazia Gotti dal titolo “Dal villaggio polacco alle luci di New York. La storia e i libri del più grande autore per bambini del Novecento”.

Sabato 25 marzo l’evento clou da non perdere dedicato ai bambini: una live-performance che coinvolgerà bambini e pubblico. La Wild Street Journey, “Alla ricerca dei mostri selvaggi”, partirà da via San Francesco e si diffonderà per i vicoli della città, con Babù teatro danza Sosta Palmizi.

I protagonisti della rappresentazione saranno: Max – il bambino inventato dalla fantasia di Maurice Sendak a cui piace giocare “selvaggiamente” – e i suoi mostri selvaggi. Le creature di fantasia, prodotte dalle sue stesse mani, sfuggiranno poi al suo controllo, scapperanno aggirandosi per la città. Tutti sono invitati a inseguirli e rintracciarli per le vie del centro.

Al termine della “caccia ai mostri”, ritorno in libreria per il brindisi di inaugurazione e i festeggiamenti della nuova Casa sull’Albero.

L’omaggio a Sendak continua domenica 26 marzo al teatro Mecenate, dove andrà in scena “Nella stanza di Max”, a cura di Bàbu Teatro Danza e realizzato nell’ambito della rassegna “Altre danze_Portiamo i ragazzi a teatro!” Un nome ed anche un’esortazione. Non smetterà mai di stupire genitori e operatori l’interesse autentico e la fascinazione che il teatro suscita nei bambini (il costo under 14 sarà ridotto a 4 euro e la prenotazione sarà possibile sino ad esaurimento).
L’appuntamento con Sendak al teatro Mecenate si estenderà anche lunedì 27 marzo, dove si replicherà “La stanza di Max” e dove l’associazione Sosta Palmizi organizzerà un matinée per le scuole di Arezzo.

Una selezione delle opere di Maurice Sendak in lingua originale (le edizioni italiane sono tutte esaurite) si potranno trovare all’interno della libreria accompagnate da un video-racconto sull’autore.

La Casa sull’albero. Non solo libreria

La Casa sull’Albero non è solo una libreria dove trovare una vasta scelta di titoli specificatamente dedicati a bambini e ragazzi, sia delle più importanti case editrici sia di piccoli e nuovi editori. E’ anche una piccola ma vincente impresa culturale. Fin dalla sua apertura nel 2013, le fondatrici Elena, Anna e Barbara hanno scelto la missione di conciliare l’intrattenimento con la crescita culturale. “Leggerezza sì ma senza superficialità”, questo è il loro motto. E questa sfida l’hanno già vinta se si pensa che La casa sull’albero, in soli quattro anni, è diventata un punto di riferimento, un presidio culturale sul territorio, dedicato alla cultura dell’infanzia .

A piccoli passi ma lavorando su grandi contenuti, la libreria si è ritagliata uno spazio importante, dedicato alla selezione e promozione della lettura che realizza in collaborazione con scuole, biblioteche e realtà associative del territorio. Sceglie e promuove opere di qualità e sostiene il lavoro di ricerca di nuovi titoli e di piccoli editori, senza rinunciare al recupero dei grandi classici. Propone percorsi bibliografici attraverso i quali riannodare i fili dei diversi linguaggi della letteratura dell’infanzia: il romanzo, classico e contemporaneo, il fumetto, l’albo illustrato e il libro d’artista.
La Casa sull’Albero, totalmente gestita al femminile si è rivelata un vero e proprio modello di piccola impresa culturale. Capace di generare esperienze che coinvolgono bambini, genitori, istituzioni e privati. Un’impresa che ha vinto il premio della Camera di Commercio di Arezzo, dedicato all’imprenditoria Giovanile (“Fedeltà al lavoro” edizione 2014) e oggi propone alla città cinque giorni di eventi dedicati a Maurice Sendak, con un calendario ricco di stimoli e di intrattenimenti per il suo pubblico di appassionati piccoli-grandi lettori.
La Casa sull’Albero, da oggi al numero 15 di via San Francesco, diventerà presto una nuova tappa, quasi obbligatoria, per bambini e ragazzi appassionati della lettura e non solo. Un centro ed uno spazio polifunzionale, capace di caratterizzarsi anche e soprattutto per i servizi e per gli appuntamenti che è in grado di generare.
Selvaggiamente bambini – Omaggio a Maurice Sendak
23-27 marzo 2017
Libreria La casa sull’albero
Via San Francesco, 15, Arezzo
In collaborazione con l’associazione Sosta Palmizi

Per info e prenotazioni: info@librerialacasasullalbero.com, 0575-27186

blog comments powered by Disqus