Minerva, niente proroga per l’esposizione: oltre 3500 visitatori. E presto un restyling del percorso museale della Fraternita

A settembre nel palazzo che si affaccia su piazza Grande ci saranno però nuovi lavori. Partirà infatti in cantiere per ristruttura la terrazza che che si affaccia sul salotto della città, mentre all’interno ci sarà un restyling del percorso espositivo delle opere di Fraternita.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   11 agosto 2017 3:36  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo


Non ci sarà un proroga per visitare la Minerva. Sono dunque le ultime settimane queste per ammirare la straordinaria opera esposta in palazzo di Fraternita. In tanti da maggio ad oggi hanno visitato la suggestiva mostra, in occasione della quale è stata anche restaurato un affresco di Atena che si trova all’interno del palazzo e i portoni d’ingresso. Si parla di alcune migliaia di persone persone.
Nel frattempo la Fraternita si appresta ad un vero e proprio restyling con il quale il percorso museale, che sarà aperto da un’opera di Parri Spinello attualmente in restauro, sarà concentrato al primo piano del prestigioso palazzo.

“Fatta eccezione per un calo di visitatori avuto a giugno, in concomitanza con l’installazione delle tribune per la Giostra del Saracino – afferma Daniela Galoppi, rettore di Fraternita per il patrimonio artistico e culturale – nei periodi precedenti e successivi ci sono stati circa 3500 visitatori. Quelle che ci aspettano, dunque saranno le ultime settimane a disposizione per vedere questa opera, dato che una proroga non sarà possibile. Colgo l’occasione per ringraziare chi ha permesso questo evento e la mostra Tesori di Arezzo: Tca, il museo archeologico di Firenze, la Soprintendenza di Siena Grosseto e Arezzo, il Comune e la Camera di Commercio di Arezzo, Generali Asa e Ceia”.

A settembre nel palazzo che si affaccia su piazza Grande ci saranno però nuovi lavori. Partirà infatti in cantiere per ristruttura la terrazza che che si affaccia sul salotto della città, mentre all’interno ci sarà un restyling del percorso espositivo delle opere di Fraternita.

“Un percorso – spiega Galoppi – che si aprirà con un’opera alla quale teniamo molto. Si tratta del Parri Spinello attualmente in restauro. Gli uffici amministrativi saranno tutti spostati al secondo piano, mentre al primo piano faremo spazio alle opere d’arte della Fraternita che diventeranno così più fruibili per il pubblico. Nel frattempo saranno anche completati i lavori di restauro all’acquedotto vasariano. Si tratta di importanti investimenti che abbiamo intrapreso per restituire alla città un patrimonio culturale di grande valore”.

 

blog comments powered by Disqus