Il liceo teatrale Vittorio Colonna in trasferta nei teatri di Napoli, con Spettatori Erranti

Il teatro come esperienza di vita, capace di far riflettere e di far crescere l’alunno, sia come attore sia come spettatore, mettendolo di fronte a una possibilità di crescita non solo umana ma anche culturale.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   22 marzo 2018 12:56  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo


Di Giacomo Pellicanò

Il progetto aGITE CONTEMPORANEE 2018 partirà il 23 Marzo.

La III E del liceo Vittoria Colonna di Arezzo, indirizzo teatrale, ha aderito a questo innovativo progetto, sostenuto e organizzato da Spettatori Erranti insieme a Rete Teatrale Aretina. 

La professoressa Chiara Meozzi insieme agli attori Amina Kovacevic e Ciro Gallorano, che guidano i laboratori teatrali, hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa coinvolgendo la III E.

Il viaggio di Alternanza-Scuola Lavoro prevede un’esperienza di tre giorni dalla Reggia di Caserta alla Città di Napoli, con un programma centralizzato sul teatro.

I colonnini, infatti, svolgeranno uno stage teatrale, conoscendo i critici più rinomati, sviluppando un proprio punto di vista attento e consapevole.

Lo scopo del progetto è quello di avvicinare i giovanissimi al teatro.

Il teatro, dunque, come esperienza di vita, capace di far riflettere e di far crescere l’alunno, sia come attore sia come spettatore, mettendolo di fronte a una possibilità di crescita non solo umana ma anche culturale.

Gli studenti seguiranno il Festival Mann / Muse al Museo al Museo Archeologico di Napoli, visiteranno la FOQUS Fondazione Quartieri Spagnoli ONLUS, un ex convento, per poi andare a conoscere i ragazzi della cooperativa La Paranza che ha riaperto e che gestisce le catacombe di San Gennaro al quartiere Sanità.

Infine non mancherà una visita al teatro San Carlo e al Teatro Mercadante, dove gli studenti avranno modo di parlare e di presentare ad altri liceali la loro esperienza di liceo teatrale.

 

blog comments powered by Disqus