Giostra, 250 posti a sedere riservati per turisti e visitatori, addio all’ipotesi terza tribuna

In tribuna A i posti sono 1.404, 469 sono quelli della tribuna B e 487 nella C. Nei 900 metri quadrati di mattonato presenti possono essere accolte circa 2.900 tra quartieristi, spettatori e semplici curiosi.

Claudia Failli
Claudia Failli
Invia per email  |  Stampa  |   21 aprile 2017 19:19  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo, Giostra del Saracino


250 posti a disposizione di tutti i visitatori e turisti che vorranno vedere con i propri occhi la Giostra del Saracino.
Non ci sarà una terza tribuna che, come era stato ventilato tempo fa, li ospiterà tutti ma, i visitatori troveranno spazio nelle strutture già presenti e potranno vivere in prima persona le emozioni e le suggestioni della manifestazione cavalleresca in piazza Grande.

Attualmente, contando solamente i posti a sedere, sono 2.360 le persone che possono essere accolte all’interno delle tribune A, B e C. 250 circa di questi posti verranno riservati ai turisti.

Un’operazione di promozione fortemente voluta dall’assessore comunale Marcello Comanducci che è riuscito ad ottenere il nulla osta affinché le poltrone possano essere destinate a tutti i non aretini che le prenoteranno entro i tempi utili. A disposizione resteranno anche gli ingressi piedi ma, chi lo vorrà, potrà anche prendere un biglietto per le tre tribune allestite appositamente per l’occasione.

Ricapitolando invece quelle che sono le disponibilità di spazi all’interno di piazza Grande durante la Prova Generale e la Giostra, l’area può ospitare ben 5.260 spettatori.
In tribuna A i posti sono 1.404, 469 sono quelli della tribuna B e 487 nella C. Nei 900 metri quadrati di mattonato presenti possono essere accolte circa 2.900 tra quartieristi, spettatori e semplici curiosi.

 

 Claudia Failli 
Claudia FailliValdarnese di nascita e aretina di adozione. Cittadina del mondo grazie al web (cit.). Appassionata di fotografia, video e social network. Il mondo lo guardo da un oblò ma non mi annoio nemmeno un po'.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus