“Citizen science”, escursioni e acque cristalline: iniziative nel Parco delle Foreste casentinesi

L’obiettivo di questo ciclo di passeggiate (realizzate in collaborazione con la Coop. St.E.R.N.A. di Forlì è quello di effettuare delle uscite allo scopo di rilevare la presenza, eventuale, e la nidificazione dell’allocco, contribuendo alla raccolta e alla trasmissione dei dati relativi a questa tipica specie di rapace notturno forestale.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   21 aprile 2017 18:24  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Casentino


“I giorni dell’Allocco” è la suggestiva escursione che apre il week end dell’area protetta. Sarà un’esperienza che permetterà di diventare “ricercatori per un giorno” e contribuire alla redazione dell’Atlante ornitologico del parco nazionale delle Foreste casentinesi. L’uscita, che interesserà la vallata di Pietrapazza, è finalizzata alla ricerca di questo particolare rapace.  L’obiettivo di questo ciclo di passeggiate (realizzate in collaborazione con la Coop. St.E.R.N.A. di Forlì è quello di effettuare delle uscite allo scopo di rilevare la presenza, eventuale, e la nidificazione dell’allocco, contribuendo alla raccolta e alla trasmissione dei dati relativi a questa tipica specie di rapace notturno forestale. La lunghezza del percorso è 11 chilometri circa, il dislivello di +/- 600m., per una durata di sei ore circa.  Il ritrovo è alle 14 in piazza Matteotti (Santa Sofia).

Sabato pomeriggio (alle 15.00 e alle 16.30) sono in programma anche visite guidate a Idro, ecomuseo delle acque di Ridracoli, alla diga e al territorio circostante. Partenza dal piazzale davanti alla casa di guardia . Dalle 14 alle 17 nel giorno di sabato e dalle 11 alle 17 in quello di domenica, ogni ora, si staccherà dal molo al coronamento della diga il battello elettrico. Sarà il mezzo di trasporto di una suggestiva escursione sulle pulitissime acque del Parco nazionale.
Per contattare l’organizzazione di tutte le iniziative nell’area dell’invaso si può contattare il numero 0543. 917912 (ladigadiridracoli@atlantide.net, www.atlantide.net/idro)

Domenica, con proposte per tutto il giorno, tornano le attività dell’associazione “Gli amici dell’asino” (amici.asino@alice.it; 320. 0676766). Rivolte a tutta la famiglia, sono organizzate per fasce di età dei bambini, per durata o in base alle esigenze di chi prenota. A dorso d’asino i bambini potranno partecipare a escursioni o piccole passeggiate in fattoria, alla ricerca delle tracce della presenza degli animali selvatici e a piccoli trekking ai castelli della valle. Il tutto all’insegna di avventura, rispetto degli animali e voglia di stare all’aria aperta. I programmi possono essere personalizzati sulla base delle proposte illustrate sul sito  www.gliamicidellasino.it e prenotati con anticipo.

In occasione della “Giornata della terra” a tutti i bambini e i ragazzi che parteciperanno a un piccolo gioco/cruciverba presso il centro visita di Santa Sofia (0543 970249; cv.santasofia@parcoforestecasentinesi.it) sarà dato in omaggio una pubblicazione sul tema della sostenibilità ambientale

Domenica, per tutta la giornata (10,30 – 18,30 con merenda/cena al rifugio e pranzo al sacco), Alter Natura (Poppi) organizza l’escursione “La Foresta incantata – Camaldoli”. Si tratta di una uscita nella meravigliosa foresta di Camaldoli “senza tecnologia”: per vivere l’incanto delle melodie della natura nel silenzio. Adesione all’iniziativa ed informazioni presso AlterNatura (347. 3105973 – irene.ziller@gmail.com).

Tornano domenica alle 11, a Valbonella (Corniolo di Santa Sofia, sul crinale tosco-romagnolo, tel. 0543 917912 –  0543 970249), le visite guidate in compagnia di una guida per scoprire flora e fauna che colorano il giardino botanico in primavera.  L’accattivante proposta pomeridiana “Caccia alla traccia”, è un laboratorio gratuito rivolto ai più piccoli. Porterà alla scoperta dei segni che testimoniano la presenza degli animali del Parco.

“Like a rolling stone” al bivacco Sassello è la proposta “estrema” sul monte Falterona della compagine “Trekkabestia” (Davide Prati, guida AIGAE, tel. 347 1002972www.itrekkabbestia.it Facebook: I Trekkabbestia). Si tratta di tre giorni nei quali sono programmate ben quattro escursioni. C’è possibilità di pernottamento presso il rifugio in autogestione. Attraverso un “taglio” fuori dai sentieri segnati si verrà “lanciati”, promettono gli organizzatori , letteralmente come “pietre rotolanti”, lungo il fianco della montagna. Immersi in una faggeta da favola, si arriverà al piccolo bivacco del “Sassello”, adagiato al centro di una superba radura prativa di fondovalle attorniata da ciliegi in fiore.

“Le tre cascate del Parco”, dal 23 al 25 aprile 2017, sono le destinazioni di altrettante escursioni per giungere al cospetto dei tre più celebri salti d’acqua presenti all’interno del Parco. Il ritrovo del primo giorno è alle 9,30 al centro visite di Badia Prataglia. La prima escursione, “La cascata degli Scalandrini”, si sviluppa lungo l’itinerario Prato alle Penna – Gioghetto – Acuti – Scalandrini. Nella seconda, “La cascata del Piscino”, la destinazione verrà raggiunta da Piancancelli, passando per il rifugio Fontanelle. Nella terza escursione si raggiungerà l’Acquacheta, che verrà raggiunta percorrendo l’anello San Benedetto in Alpe – Monte di Londa. Organizza Andrea Pellegrini (tel. 338. 8049794, www.camminandomontievalli.it).

blog comments powered by Disqus