Cavallincittà: una domenica all’insegna della solidarietà e alla raccolta fondi

“Cavallincittà” vuol offrire ai cittadini l’opportunità di vivere una giornata diversa, all’insegna del divertimento, dello svago, del viver sano, della collaborazione e della solidarietà.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   19 maggio 2017 18:49  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Arezzo


UISP Comitato Territoriale Arezzo con la collaborazione dell’A.S.D. Il Chiodo Fisso organizza per il sesto anno consecutivo “Cavallincittà”, una giornata con l’obbiettivo di: sensibilizzare i cittadini ad un’attività di “turismo green”; promuovere un turismo equestre alla riscoperta e alla valorizzazione del territorio e dei beni culturali e artistici; avvicinare bambini e adulti in maniera corretta ai cavalli e ad un’attività equestre di qualità; sviluppare la socializzazione e l’inclusione; favorire l’associazionismo all’insegna della solidarietà e alla raccolta fondi che sarà devoluta al sostenimento del servizio della Tribù dei nasi rossi che opera da oltre dieci anni presso la struttura ospedaliera del San Donato nel reparto di pediatria a supporto di medici e paramedici, e all’associazione animalista Scudo di Pan per il supporto alle loro attività quotidiane nei confronti degli animali meno fortunati.

“Cavallincittà” vuol offrire ai cittadini l’opportunità di vivere una giornata diversa, all’insegna del divertimento, dello svago, del viver sano, della collaborazione e della solidarietà; una manifestazione rivolta alle famiglie, con l’obiettivo di coinvolgere l’intero nucleo familiare, dai bambini agli anziani, dagli esperti cavallerizzi ai neofiti, offrendo la possibilità di vivere una giornata diversa dall’ordinario e di riscoprire il cavallo come animale storico, che ha sempre fatto parte della vita dell’uomo. Far si che il contatto con l’animale cavallo, la scoperta e il conseguente rispetto del suo mondo e delle sue abitudini da parte dei cittadini, suscitino sensazioni ed emozioni profonde che possano vivere come momento di crescita e di riscoperta delle proprie radici. L’evento è previsto per la giornata di domenica 21 maggio per le strade e piazze della città.

“Giunta alla VI^ edizione Cavallincittà vuole offrire, anche quest’anno, l’opportunità a tanti cavalieri iscritti di attraversare le strade della città in sella al proprio compagno e un momento di gioia e di divertimento a tutti i bambini insieme ai clown della tribù dei NASI ROSSI che tutti i giorni entrano in punta di piedi nei reparti di Pediatria, Chirurgia Pediatrica, Oncologia e Radioterapia dell’Ospedale S. Donato di Arezzo portano sorrisi e provano a scacciare noia e paura dalle persone ricoverate. Cavallincittà, così come tutte le manifestazioni UISP, propone un’idea diversa di equitazione e di sport sostenibile volta al divertimento e al piacere di stare insieme, al benessere, alla salute e alla prevenzione.” – dichiara Gino Ciofini Presidente del Comitato UISP di Arezzo.

Federico Stendardi Presidente dell’Associazione “IL CHIODO FISSO” ricorda: “Cavallincittà è nata nel 2012 da un’idea del Centro Equestre IL CHIODO FISSO e del COMITATO UISP di AREZZO con l’allora Presidente Antonio Leti. Manifestazione che ha riscosso da subito molto successo, sia nella popolazione aretina, sia negli altri comitati UISP della Toscana e non solo. Nasce con lo scopo di promuovere la socializzazione, l’inclusione, la solidarietà e un sano stile di vita all’aperto a contatto con i cavalli, la natura e l’ambiente che ci circonda.”

“Turismo, ambiente, salute, sport, solidarietà. Sarebbe molto più lungo l’elenco delle attività dell’uomo nel quale compare il cavallo ma quel che conta è la qualità, unica, di questo rapporto. Estra ha deciso di sostenere Cavallincittà proprio per il valore che questa manifestazione assegna al rapporto tra uomo e cavallo e alla presenza di quest’ultimo non solo nella natura e nello sport ma anche nella città e in attività nuove, soprattutto di natura sociale. Noi ci occupiamo di energia e se vogliamo un esempio concreto di energia e di forza naturale, non possiamo che pensare proprio al cavallo.” – dichiara Francesco Macrì Presidente di Estra.

blog comments powered by Disqus