“Casa della Memoria”, proseguono i lavori nell’antico borgo di Castelnuovo

Inizia a prendere forma il cantiere che porterà al recupero di Palazzo Zannuccoli, uno dei tre fabbricati del borgo di Castelnuovo dei Sabbioni vincolati alla Soprintendenza delle Belle Arti. Nel palazzo situato a fianco del Sacrario ai Caduti sorgerà la “Casa della Memoria”, luogo del cuore che sarà dedicato al ricordo degli avvenimenti che hanno fortemente inciso sulla storia della nostra comunità.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   13 febbraio 2018 11:45  |  Pubblicato in Cultura, eventi e spettacolo, Valdarno


Un museo dedicato alla memoria, alle trasformazioni storico sociale e al ricordo degli avvenimenti, come gli eccidi nazifascisti del 1944, che hanno inciso fortemente sulla storia della comunità cavrigliese. Sorgerà nell’antico borgo di Castelnuovo dei Sabbioni dove stanno andando avanti i lavori per il rifacimento e la riqualifica di Palazzo Zannuccoli, immobile vincolato dalla Soprintendenza delle Belle Arti situato ai piedi del vecchio abitato. Si tratta di un intervento complesso, soprattutto a causa delle delicate condizioni dell’edificio in stile Liberty, abbandonato da anni, che impongono alla ditta esecutrice continue verifiche sulla stabilità. Complessivamente il valore dell’opera supera i 500mila euro. Il progetto, essendosi posizionato al terzo posto di un bando regionale indetto per “sostenere gli Enti Locali per interventi di investimento nella Cultura”, è stato co-finanziato per il 60% dalla Regione Toscana. Il costi restanti saranno coperti con fondi provenienti dalle casse comunali.

Il restyling di Palazzo Zannucoli conferma la volontà dell’amministrazione comunale di proseguire il difficile recupero dell’antico Borgo di Castelnuovo dei Sabbioni. Un percorso avviato nel 2012 con l’inaugurazione del Museo Mine che adesso prosegue con la “Casa della Memoria” la quale trasformerà l’antico abitato castelnuovese in un vero e proprio museo diffuso.

blog comments powered by Disqus