La ricetta del coniglio ripieno dell'Assuntina

  • Categoria

    Secondo
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    150 minuti
  • Dosi

    Sei persone

Una ricetta non molto complicata per un piatto davvero gustoso, adatto anche ai bambini

La ricetta

Italiano

Il coniglio, un animale da cortile allevato dai contadini, in quasi tutte le famiglie della periferia aretina, almeno fino ad un decennio fa. Poi anche questi usi e costumi hanno cominciato a cambiare.

Il coniglio ha una carne bianca pregiata, molto adatta anche ai bambini, quando, ovviamente non ci sono più le ossa che potrebbero essere pericolose.

Quindi per la ricetta di oggi, la base di tutto è un buon coniglio, meglio se di allevatori locali che si possono trovare dal macellaio o in qualche supermercato. In questi due casi possono essere forniti già disossati, togliere infatti tutte le parti ossee non è un'operazione semplicissima.

Così fa anche l'Assuntina, che ci ha fornito i dettagli di questa ricetta.

Preparazione

Una volta ottenuto il coniglio disossato, stenderlo, in modo che sia ben aperto per iniziare a farcirlo. Nel frattempo mettere ad assodare tre uova.

Il coniglio deve essere riempito da un primo strato del ripieno con alcune fette di prosciutto crudo, poi dal secondo strato con la mortadella, poi le uova sode e le olive denocciolate.

A questo punto il coniglio così farcito deve essere arrotolato, con una certa manualità, e legato con lo spago da cucina.

Così è pronto per essere posto nella teglia da forno.

Nella teglia porre anche le patate, sbucciate e tagliate per poterle arrostire.

Condire con olio, sale, pepe (se piace) e semi di finocchio.

Il forno deve essere preriscaldato a 150 gradi, il coniglio deve stare in forno una prima ora a questa temperatura, per poter cuocere bene all'interno, poi nella successiva ora portare la temperatura del forno a circa 170 gradi per raggiungere la giusta croccantezza all'esterno.

Una volta raggiunta la cottura desiderata, sfornare il rotolo e fallo freddare. Nel momento in cui non sarà più troppo caldo è giunto il momento di affettarlo a rondelle e distenderlo di nuovo sul letto di patate.

Servire tiepido.

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento