Raffiche a 50 chilometri orari, abitazioni al buio e superlavoro dei vigili del fuoco: così il vento ha strapazzato Arezzo

Le richieste di aiuto hanno iniziato a intensificarsi nel pomeriggio, dalle 16 in poi, quando il vento di grecale ha ricominciato a soffiare con grande forza. Una situazione paventata dalla Sala operativa della Regione che aveva emanato un codice giallo valido fino alla mezzanotte

Raffiche a 50 chilometri orari, piante divelte, coperture sollevate e portate via, rami spezzati e piante divelte. Arezzo anche nel pomeriggio di ieri è rimasta in balia del vento, che ha soffiato forte e impetuoso, tanto da provocare non pochi danni. Ma quella di ieri è stata una giornata campale per i vigili del fuoco, impegnati su tantissimi fronti. Le chiamate si sono susseguite per l'intera giornata e alle 20, quando il nuovo turno stava entrando il servizio, i colleghi al lavoro durante il giorno non hanno smontato ma hanno fatto un doppio turno per far fronte a tutte le necessità.

Le richieste di aiuto hanno iniziato a intensificarsi nel pomeriggio, dalle 16 in poi, quando il vento da grecale ha ricominciato a soffiare con grande forza. Una situazione in realtà paventata la Sala operativa della Regione che aveva emanato un codice giallo valido fino alla mezzanotte. E in effetti le raffiche si sono intensificate provocando danni a macchia di leopardo un po' in tutta la provincia. In molte località le stazioni di Arezzo Meteo hanno rilevato "vento teso e sostenuto". Due esempi per capire meglio la situazione: a Cesa alle 17 circa erano state registrate raffiche con una velocità che è arrivata a 41 chilometri orari. A Tregozzano il vento ha soffiato fino a 56 chilometri orari. Quanto basta dunque per combinare guai.

E così a metà pomeriggio a Ceciliano molte abitazioni sono rimaste al buio a causa di un palo che è caduto spezzando i cavi della luce. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di Arezzo che hanno messo in sicurezza l'impianto. Nel frattempo molte famiglie hanno lamentato sbalzi o asseza di corrente. 

A fine serata le chiamate ai vigili del fuoco sono state tante. Ed è stato il terzo giorno consecutivo di corse a causa del vento, che da sabato soffia copiosamente sull'Aretino. 

Proprio sabato l'insegna di una concessionaria di via Calamendrei è crollata, facendo decine di migliaia di euro di danni. Domenica i carri del Carnevale dell'Orciolaia non hanno sfilato per motivi di sicurezza. E ieri ancora tantissime chiamate. 

Oggi i vento dovrebbe rallentare ed essere meno pericoloso, mentre le temperature dovrebbero tornare a salire. Fino ad arrivare, nella giornata di mercoledì, a sfiorare i 20 gradi. E la primavera inizierà a farsi sentire. 
 

Potrebbe interessarti

  • Cattivo odore e calcare, come pulire la lavatrice

  • Piscine all'aperto. Ecco dove andare ad Arezzo e provincia

  • Le origini del nome Colcitrone

  • Piscine interrate, costi e tempi per averne una

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Ritrovati i due bambini dispersi, erano bloccati al fiume con il nonno ferito

  • Cattivo odore e calcare, come pulire la lavatrice

  • Schianto in moto contro un trattore: un ferito grave. Soccorso con Pegaso

  • Sospetta intossicazione da cianuro, tre operai al pronto soccorso

  • Cade dal tetto di casa: ferito un 44enne. Portato in elicottero a Siena

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento