Vecchia Banca Etruria, 200 pagine per motivare l'assoluzione per ostacolo alla vigilanza

Una motivazione che conta 200 pagine. E' quella depositata dal gup per la sentenza di assoluzione dall'accusa di ostacolo alla vigilanza per l’ex presidente Giuseppe Fornasari, l’ex direttore generale Luca Bronchi e il dirigente David Canestri. Le...

fornasari-canestri-bronchi2

Una motivazione che conta 200 pagine. E' quella depositata dal gup per la sentenza di assoluzione dall'accusa di ostacolo alla vigilanza per l’ex presidente Giuseppe Fornasari, l’ex direttore generale Luca Bronchi e il dirigente David Canestri. Le copie ieri mattina sono state ricevute dai pool di magistrati guidati dal procuratore capo Roberto Rossi e dai legali degli imputati.

La Procura di Arezzo sta adesso studiando, pagina dopo pagina, quanto scritto dal Gip Annamaria Loprete: l'ottica è quella di ricorrere in appello ed il lavoro adesso sarà soprattutto quello valutare punto per punto quando asserito e formulare un'istanza dettagliata. Intanto trapela soddisfazione da parte dei difensori degli imputati. "Il giudice ha motivato in modo minuzioso la sua decisione, prendendo in esame tutti i documenti presentati, comprese le perizie e le relazioni dei consulenti che abbiamo presentato - ha commentato il legale Antonio Bonacci, che assiste Bronchi - . Un peso importante lo hanno avuto, si evince, anche le dichiarazioni degli imputati. Elementi estremamente tecnici che sono riusciti a dimostrare come e perché siano avvenuti determinati passaggi di tipo finanziario considerati invece dall'accusa fumosi. Il giudice ha abbracciato l'ipotesi della difesa anche sulle critiche mosse verso l'operato di Banca d'Italia". Per gli imputati il procuratore della Repubblica di Arezzo Roberto Rossi e il pm Julia Maggiore avevano chiesto, nell'ordine, due anni e otto mesi per Fornasari e Bronchi. e due anni per Canestri, mentre Bankitalia aveva presentato istanza di risarcimento danni per 320mila euro. ALTRI PROCEDIMENTI Nel frattempo proseguono i procedimenti giudiziari a carico dell'ex dirigenza: l’udienza preliminare è in calendario per il 22 giugno. A comparire davanti al giudice saranno 20 dei 22 che erano finiti nel mirino della magistratura. Solo su dieci di questi pende l’accusa di bancarotta fraudolenta, per gli altri invece si profila la bancarotta semplice. In quella data Federconsumatori ha annunciato di volersi costituire parte civile. Stessa cosa hanno intenzione di fare gli oltre cento azionisti, provenienti da tutta Italia, rappresentati dal legale Riziero Angeletti.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento