Si fa consegnare la pensione, le ruba la foto del fratello carabiniere morto e poi tenta la fuga in treno

Ennesima truffa ai danni di un'anziana. Gli agenti della Squadra Mobile di Arezzo hanno rintracciato la responsabile alla stazione in attesa di salire a bordo di un treno

Immagine di repertorio

Questa volta non ha fatto in tempo a scomparire nel nulla. No, questa volta è stata fermata mentre si trovava sulla pensilina del binario quattro dove aspettava il treno che l'avrebbe condotta al sicuro. 

Sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Arezzo ad acciuffare ed arrestare una 38enne, originaria della provincia di Napoli, responsabile di una truffa e un furto commessi ai danni di un'anziana signora. 

Le manette sono scattate nella mattinata di ieri, poco dopo il colpo.

"Posso vedere il suo pavimento?", ma è una truffa. Anziana derubata: uno dei ladri era in uniforme

Ieri un uomo, sedicente carabiniere dell'Arma, ha contattato telefonicamente un'anziana signora residente nel quartiere Marchionna.
 

"Pronto signora, sono il Maresciallo Taldeitali (ndr) suo figlio è stato appena fermato da una pattuglia ed è stato trovato con l'assicurazione della macchina scaduta", le avrebbe detto, "abbiamo dovuto sequestrargli l'auto ed accompagnarlo in caserma ma stia tranquilla, le mando una persona per ritirare in contanti il corrispettivo dell’assicurazione, così possiamo restituire la macchina a suo figlio”.


Nel frattempo la complice, dopo aver atteso qualche minuto, si è presentata presso l’abitazione della donna facendosi consegnare più di mille euro in contanti corrispondenti a quasi l’intera pensione ritirata qualche giorno prima. Ma non solo, approfittando di un momento di distrazione della vittima, la 38enne è riuscita a rubare anche alcuni monili da un mobile tra cui anche la cornice con la foto del fratello carabiniere deceduto 30 anni prima durante un servizio. Dopo aver rassicurato, e ripulito, la donna, la truffatrice è fuggita via lasciando l'abitazione in un batter d'occhio.

Anziana derubata con la "tecnica dell'abbraccio": avvicinata da due donne che le portano via collana d'oro

C’è voluto poco per la signora per capire di essere stata raggirata e allertare il figlio il quale, a sua volta, ha contattato la sala operativa della questura raccontando l'accaduto. Poco dopo alcuni equipaggi della Squadra Mobile che stavano pattugliando la città sono riusciti ad individuare la malvivente bloccandola proprio sui binari del treno. Da perquisizione sono saltati fuori nascosti nel risvolto della giacca i mille euro in contatti e il resto della refurtiva.

Questa mattina verrà celebrato il processo per direttissima per l’arrestata.

Parenti ritrovati, anelli d'oro persi e le insidie del web. Le 12 truffe più frequenti: come riconoscerle e difendersi

Negli ultimi giorni è il secondo caso segnalato alle forze dell'ordine di raggiri commessi da ignoti malviventi nei confronti di anziani. 
La Polizia di Stato si raccomanda ancora una volta con la cittadinanza nel prestare la massima attenzione rispetto a questo tipo di truffe, invitando a segnalare prontamente a tutte le forze dell’ordine, tramite i numeri di pronto intervento, situazioni sospette. 

Anche in questo caso, infatti, solo la chiamata tempestiva ha permesso di trarre in arresto la truffatrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tensione al supermercato: zuffa tra due signore, arrivano i Carabinieri

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Ghinelli a Firenze: "Proporrò la chiusura delle scuole"

  • Coronavirus, primi casi in Toscana. Due tamponi positivi a Firenze e Pistoia

  • Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento