"Siamo delle Poste, ci faccia entrare". Truffatori in azione ad Indicatore

Dell'episodio sono stati informati anche i carabinieri di Arezzo. Le raccomandazioni sono sempre le solite: massima attenzione

"Devo controllare la linea telefonica, mi faccia entrare in casa".
Si è presentato così alla loro porta. Solo, faccia pulita, fare rassicurante. Ha detto di essere lì per conto di Poste Italiane, gestore scelto per il contratto di rete fissa, e di dover "eseguire degli accertamenti importanti". 

Potrebbe essere stato un tentativo di truffa quello messo in scena ad Indicatore e che ha avuto come "potenziali vittime" una coppia di anziani coniugi.

A denunciare l'accaduto la nipote che, dopo aver parlato con i nonni, ha immediatamente allertato le forze dell'ordine e il gestore della linea telefonica. 

"Scoperte oltre 350 truffe, vittime spesso gli anziani"

Anziani in casa: sicurezza e suggerimenti su cosa fare

Le 12 truffe più frequenti: come riconoscerle e difendersi

"Il signore in questione - spiega - ha fatto credere loro di dover controllare qualcosa alla linea e alla fine gli ha fatto firmare un finto foglio per far sembrare la cosa seria. Poi se ne è andato. Abbiamo chiamato le Poste che hanno confermato di non aver disposto alcun sopralluogo o controllo da parte dei loro addetti. Contestualmente abbiamo avvisato anche i carabinieri che, ovviamente, hanno raccomandato la massima attenzione, come sempre. Infine abbiamo saputo che la stessa cosa è capitata ad una vicina di casa dei miei nonni. Speriamo che non succeda più a nessuno".

Si tratta solamente dell'ennesimo caso in cui sconosciuti e sedicenti tecnici/operatori suonano alle porte delle abitazioni dell'Aretino tentando di razziare quanto più denaro e preziosi possibile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'anno appena trascorso, soltanto nella provincia, si sono contati più di 350 casi di truffe perpetrate a danno di altrettanti malcapitati che, per un motivo o per un altro, sono caduti nella rete di malviventi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus in due famiglie dell'Aretino, ordinanza di Rossi: "Trasferimenti negli alberghi sanitari o multe"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento