Ladri si fingono dipendenti di Nuove Acque: anziani aggrediti con spray al peperoncino e derubati

L'episodio è accaduto stamani a Talla. I malviventi hanno usato lo spray al peperoncino per agire indisturbati all'interno dell'abitazione

Si spacciano per dipendenti di Nuove Acque, poi derubano due persone anziane.

E' accaduto questa mattina a Talla, vittima una coppia di anziani, che è stata aggirata da due finti dipendenti di Nuove Acque. I due malviventi hanno provato a distrarre i due anziani comunicando loro di dover mettere gioielli e soldi nel congelatore perchè c'era il rischio che contaminassero l'acqua. Questa richiesta ha insospettito il marito che ha tentato di allontanare il finto dipendente e il suo complice.

Dopo qualche minuto concitato i due malviventi hanno spruzzato, sia al marito che alla moglie, spray urticante negli occhi prima di darsi alla fuga con soldi e gioielli.

La coppia è stata portata all'ospedale del Casentino che gli ha diagnosticato una flogosi agli entrambi gli occhi. Se la caveranno con pochi giorni di prognosi. 

I militari dell'Arma stanno indagando sull'episodio raccomandandosi di allertare immediatamente il 112 per situazioni sospette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento