Ladri si fingono dipendenti di Nuove Acque: anziani aggrediti con spray al peperoncino e derubati

L'episodio è accaduto stamani a Talla. I malviventi hanno usato lo spray al peperoncino per agire indisturbati all'interno dell'abitazione

Si spacciano per dipendenti di Nuove Acque, poi derubano due persone anziane.

E' accaduto questa mattina a Talla, vittima una coppia di anziani, che è stata aggirata da due finti dipendenti di Nuove Acque. I due malviventi hanno provato a distrarre i due anziani comunicando loro di dover mettere gioielli e soldi nel congelatore perchè c'era il rischio che contaminassero l'acqua. Questa richiesta ha insospettito il marito che ha tentato di allontanare il finto dipendente e il suo complice.

Dopo qualche minuto concitato i due malviventi hanno spruzzato, sia al marito che alla moglie, spray urticante negli occhi prima di darsi alla fuga con soldi e gioielli.

La coppia è stata portata all'ospedale del Casentino che gli ha diagnosticato una flogosi agli entrambi gli occhi. Se la caveranno con pochi giorni di prognosi. 

I militari dell'Arma stanno indagando sull'episodio raccomandandosi di allertare immediatamente il 112 per situazioni sospette.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

  • Coronavirus, Ghinelli: "Oggi era atteso il picco dei contagi, invece siamo a zero". Stop ai droni per i controlli

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento