Truffa Banca Etruria, a sentenza anche il secondo filone: una condanna e otto assoluzioni

Pronunciato alle 13,30 il verdetto dal giudice Claudio Lara. I dipendenti della ex Banca Etruria erano accusati di truffa e "concorso morale"

A pochi giorni dalla sentenza pronunciata dal giudice Angela Avila, un secondo procedimento per truffa nei confronti di direttori di filiale e impiegati della ex Banca Etruria è arrivato a sentenza presso il tribunale di Arezzo. Erano 10 gli imputati: tutti accusati di truffa e concorso morale.  Uno è stato condannato a 10 mesi di reclusione e una multa da 300 euro (pena sospesa), otto sono stati assolti perché il fatto non sussiste e per altri tre il giudice ha dichiato di non dover procedere in quanto è stata rimessa la querela. 

Nell'ultima udienza il pm Luigi Niccacci aveva avanzato per tutti una richiesta di condanna a un anno e sei mesi più seicento euro di multa. Una richiesta simile a quella pronunciata dal pm Julia Maggiore nel procedimento che si è concluso lo scorso 30 settembre di fronte al collegio presieduto dal giudice Angela Avila.  

Gli imputati erano accusati dalla Procura di aver venduto le obbligazioni subordinate raggirando i clienti delle filiali, modificando i Mifid. Difesi dagli avvocati Maurilio D'Angelo, Enrico de Martino e Francesco Molino,  sono chiamati in causa per "concorso morale".

La delusione dei risparmiatori

Delusione e amarezza per i risparmiatori, che hanno raccontato di essersi sentiti "doppiamente" truffati.

"Ci hanno fatto passare da speculatori - racconta la signora Marzia Boschi - come se noi fossimo corsi in banca a chiedere di investire, quando invece è stato tutto il contrario. Ma soprattutto siamo delusi perché ci aspettavamo una sentenza che potesse evitare in futuro nuove situazioni come quella che abbiamo vissuto noi". 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Soddisfazione per i legali degli imputati

"E' un procedimento - afferma Maurilio D'Angelo, legale della Cisl che rappresentava numerosi imputati - che non si sarebbe dovuto celebrare. Per il dipendente condannato ricorreremo in appello: era un addetto ai titoli che aveva venduto le obbligazioni subordinate applicanto quanto richiesto nelle circolari". 

Le motivazioni della condanna e delle assoluzioni saranno spiegate nelle motivazioni della sentenza che il giudice Claudio Lara depositerà entro 90 giorni. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

  • Scossa di terremoto nell'Aretino: 2,7 gradi della scala Richter

  • Incidente stradale lungo la Statale 73: tre persone ferite

  • Travolto in piazza Guido Monaco mentre attraversa la strada

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento