Truffa Banca Etruria, a sentenza anche il secondo filone: una condanna e otto assoluzioni

Pronunciato alle 13,30 il verdetto dal giudice Claudio Lara. I dipendenti della ex Banca Etruria erano accusati di truffa e "concorso morale"

A pochi giorni dalla sentenza pronunciata dal giudice Angela Avila, un secondo procedimento per truffa nei confronti di direttori di filiale e impiegati della ex Banca Etruria è arrivato a sentenza presso il tribunale di Arezzo. Erano 10 gli imputati: tutti accusati di truffa e concorso morale.  Uno è stato condannato a 10 mesi di reclusione e una multa da 300 euro (pena sospesa), otto sono stati assolti perché il fatto non sussiste e per altri tre il giudice ha dichiato di non dover procedere in quanto è stata rimessa la querela. 

Nell'ultima udienza il pm Luigi Niccacci aveva avanzato per tutti una richiesta di condanna a un anno e sei mesi più seicento euro di multa. Una richiesta simile a quella pronunciata dal pm Julia Maggiore nel procedimento che si è concluso lo scorso 30 settembre di fronte al collegio presieduto dal giudice Angela Avila.  

Gli imputati erano accusati dalla Procura di aver venduto le obbligazioni subordinate raggirando i clienti delle filiali, modificando i Mifid. Difesi dagli avvocati Maurilio D'Angelo, Enrico de Martino e Francesco Molino,  sono chiamati in causa per "concorso morale".

La delusione dei risparmiatori

Delusione e amarezza per i risparmiatori, che hanno raccontato di essersi sentiti "doppiamente" truffati.

"Ci hanno fatto passare da speculatori - racconta la signora Marzia Boschi - come se noi fossimo corsi in banca a chiedere di investire, quando invece è stato tutto il contrario. Ma soprattutto siamo delusi perché ci aspettavamo una sentenza che potesse evitare in futuro nuove situazioni come quella che abbiamo vissuto noi". 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Soddisfazione per i legali degli imputati

"E' un procedimento - afferma Maurilio D'Angelo, legale della Cisl che rappresentava numerosi imputati - che non si sarebbe dovuto celebrare. Per il dipendente condannato ricorreremo in appello: era un addetto ai titoli che aveva venduto le obbligazioni subordinate applicanto quanto richiesto nelle circolari". 

Le motivazioni della condanna e delle assoluzioni saranno spiegate nelle motivazioni della sentenza che il giudice Claudio Lara depositerà entro 90 giorni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra tir in A1: corsia a lungo chiusa, caos traffico. Due feriti estratti dalle lamiere

  • Sugar è il miglior negozio del pianeta: Arezzo sul tetto del mondo con Mosca e Tokyo

  • "Ciao Nicola, gigante dal cuore gentile". Croce Rossa e Sbandieratori in lutto per l'improvvisa scomparsa di Bocciardi

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fermato su una Bmw con targa rumena: colpiva i turisti. Scoperto con la "luce nera"

  • Bimbo aretino nasce con l'intestino nel torace: salvato con rarissimo intervento

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento