Sfregia il Duomo col pennarello mentre passa la Polizia: studentessa portata in questura

La ragazzina è stata fermata dagli agenti intervenuti sul posto: aveva iniziato a scrivere "Mother" sul muro esterno della cattedrale che si affaccia su via Ricasoli

Apre il suo zaino, prende un bel pennarello e inizia a scrivere. Fin quì nulla di strano, il problema che invece di un pezzo di carta ha usato la facciata del Duomo di Arezzo dove fare una dedica o chissà che altro meglio in inglese.

E' successo ieri all'uscita da scuola, quando due ragazze minorenni hanno deciso di andare a fare un giro al Prato, approfittando della giornata soleggiata. Poi la voglia di lasciare la traccia del loro passaggio ha prevalso e così una di loro ha deciso di prendere il pennarello e scrivere "Mother" ("Madre", in inglese) sulla facciata della cattedrale lato via Ricasoli.

Proprio in quel momento è passata una volante della Polizia in servizio che ha assistito alla scena. Gli agenti sono intervenuti e hanno rimproverato sia la "graffitara" che l'amica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'autrice, apparantemente ignara della gravità del gesto, è rimasta in silenzio ed è stata portata in questura. Poi sono stati avvertiti i genitori. Che di certo non si sono congratulati con la figlia per il deplorevole gesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • Coronavirus, Ghinelli: "Oggi era atteso il picco dei contagi, invece siamo a zero". Stop ai droni per i controlli

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento