Scippatore seriale finisce in manette. Davanti al giudice: "Lo facevo per la droga"

Ad incastrarlo è stato un cittadino. Dopo averlo visto commettere l'ennesimo scippo a discapito di un'anziana signora ha preso il telefono e chiamato i poliziotti. E' finito così dietro le sbarre un 45enne aretino, di professione artigiano...

Tribunale-3

Ad incastrarlo è stato un cittadino. Dopo averlo visto commettere l'ennesimo scippo a discapito di un'anziana signora ha preso il telefono e chiamato i poliziotti.

E' finito così dietro le sbarre un 45enne aretino, di professione artigiano, responsabile di numerosi scippi messi a segno nei mesi passati per le strade di Arezzo.

Il modus operandi dell'uomo era sempre il solito. In sella alla sua Vespa bianca prima sceglieva la sua vittima (molto spesso signore non più nel fiore degli anni) e poi, dopo averla raggiunta, le strappava la borsetta scappando a tutto gas. Ma la scorsa settimana qualcosa non è andato come previsto.

Un aretino, dopo aver assistito all'ennesimo furto, è riuscito a prendere la targa della ormai temuta Vespa bianca ed ha passato l'informazione alla polizia. La squadra mobile di Arezzo è così riuscita a mettersi sulle sue tracce e controllarlo.

Lo scorso venerdì l'uomo si trovava in via Redi. Qui, sempre sul suo scooter, ha affiancato una donna di 82 anni che in quel momento si trovava ferma al semaforo in sella alla propria bicicletta. In un istante è piombato su di lei e le ha strappato via la borsetta. I poliziotti hanno assistito alla scena e sono riusciti a fermarlo in via della Chimera. Beccato in flagrante l'uomo è stato trasferito nella cella di sicurezza della questura dove ha trascorso il weekend in attesa della convalida dell'arresto.

Ieri mattina è comparso davanti al giudice del tribunale di Arezzo dove è stato riconosciuto colpevole. Per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa del processo che si aprirà il prossimo 4 ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Dietro ai numerosi furti messi a segno dall'uomo, a quanto pare, si cela lo spettro della tossicodipendenza. Il 45enne infatti, seppur incensurato, è risultato essere una vecchia conoscenza delle forze dell'ordine a causa del suo abuso di sostanze stupefacenti. Durante l'udienza in tribunale è stato proprio il 45enne, tra le lacrime, a confermare di aver commesso gli scippi per procurarsi il denaro sufficiente ad acquistare della droga.

L'uomo è seguito dall'avvocato Tiberio Baroni che si è adoperato per trovare una struttura idonea dove l'artigiano aretino possa uscire dalla sua dipendenza dalle droghe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatto morde la proprietaria e poi muore, era infetto da particolare Lyssavirus. E' il secondo caso al mondo

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Gatto infetto da Lyssavirus, due ordinanze urgenti del sindaco. Sequestrati gli altri animali della famiglia

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • "Gatto morto, tecnici in arrivo da Padova per analizzare le colonie di pipistrelli". Ad Arezzo il primo passaggio a un felino

  • Tre aretini positivi al Covid: c'è anche un bimbo di 1 anno. Un decesso al San Donato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento