Rubano argento ad un rappresentante, ma erano già nel mirino della Polstrada. Un arresto

Il colpo è stato messo a segno a Cecina. La vittima è un rappresentante di Monte San Savino. E' caccia ai complici.

Era finito nel mirino di una banda di ladri che lo seguivano nei suoi spostamenti aspettando il momento più propizio per rubargli il campionario. Un rappresentante 40enne di preziosi, di Monte San Savino, è stato vittima di un furto ieri a Cecina, in provincia di Livorno. Ma questa volta i ladri non sono riusciti a far perdere le proprie tracce: la Polizia Stradale di Pistoia infatti ne ha arrestato uno poche ore dopo ed è sulle tracce dei complici. Li stavano seguendo in seguito ad una serie di colpi messi a segno in Toscana. 

Il rappresentamnte 40enne stava facendo il giro dei clienti con un campionario di orologi e uno di bracciali in argento. Aveva i preziosi all'interno di due capienti borse che teneva in auto, una Fiat 500. 

Nel pomeriggio, dopo essere uscito da un negozio, l'uomo è tornato verso l’auto e ha riposto nel bagagliaio le borse. Poi si è allontanato alcuni metri per raggiungere un bancomat e prelevare denaro. La banda, che fino a lì lo aveva seguito in tutti i suoi movimenti, ha colto l'occasione al balzo: velocemente i ladri hanno forzato il bagagliaio e portato via quattro borse, caricandole a bordo di un altro veicolo. Il rappresentante non si sarebbe accorto di quanto accaduto. 

Ma anche i ladri, a loro volta, non sapevano di essere osservati da vicino: "quel movimento era monitorato dalla Polstrada che, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pistoia, era sulla scia della banda, dopo le denunce sulle loro razzie perpetrate in Toscana in danno di alcuni agenti di commercio", spiega la stessa Polizia Stradale. 

Gli investigatori della Sezione di Pistoia si erano infatti appostati a Cecina, insieme ai colleghi di Grosseto. Al passggio della vettura con i tre malviventi,  hanno intimato l’alt. I tre per a quel punto sono scappati a piedi sparpagliandosi "per rendere più difficoltosa la cattura". Uno di loro, un 62enne di Roma, è stato inseguito e, dopo una lieve colluttazione, arrestato per furto e resistenza. Si tratta di uno "specialista nei reati predatori e con una lunga carriera alle spalle". E' stato condotto in Caserma e "si è complimentato - spiega in una nota la stradale - con i poliziotti ammettendo che, fino a quel momento, era riuscito a non farsi prendere". ù

I due complici, sono riusciti a sfuggire a bordo di una Tipo. Nella fuga hanno cercato di investire un poliziotto colpendolo a un braccio. Gli agenti sarebbero loro con il fiato sul collo.  La Polstrada ha recuperato i quattro borsoni con tutta la refurtiva, dal valore di oltre 5mila euro, restituendola alla vittima. 

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

  • Come allontanare gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Va a sbattere contro un muro: soccorso con Pegaso

  • Scontro auto motorino, 15enne trasferito alle Scotte con Pegaso

  • Donna travolta da un'auto, attivato Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento