Razzie di alcolici in Valtiberina: gli autori beccati mentre pianificavano il secondo colpo

Furti di alcolici: la Polizia di Stato smaschera gli autori

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   15 febbraio 2017 11:02  |  Pubblicato in Cronaca, Valtiberina


Due settimane prima avevano svuotato gli scaffali del Famila portando via liquori e bottiglie di vino pregiato. L’altro ieri, con tanto di faccia tosta, sono rientrati dentro allo stesso supermercato cercando di pianificare un secondo colpo.

Sono stati rintracciati nella mattinata del 13 febbraio dai poliziotti i due autori delle razzie di alcolici avvenute ad inizio mesa a Sansepolcro. I responsabili, A.G. di 24 anni e F.D. di 42 entrambi albanesi e senza fissa dimora, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria con l’accusa di furto aggravato.

Decisive per le indagini sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza poste all’interno del market. Le riprese infatti hanno mostrato chiaramente i due mentre rubavano le bottiglie dagli espositori del market.
Le indagini sono andate avanti a 360 gradi ma fino a pochi giorni fa gli autori del furto non erano ancora stati rintracciati.

La svolta è arrivata la mattina del 13 febbraio. I due, insieme ad un altro uomo (presunto complice), si sono nuovamente presentati al Famila del Borgo. Appena entrati il direttore del supermercato li ha riconosciuti ed ha avvisato la polizia. Così i tre sono finiti in commissariato.

Per i due autori del colpo è scattata la denuncia per furto aggravato. Inoltre, a carico di tutti i tre è stato emesso il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Sansepolcro per anni tre.

“Sono tuttora in corso indagini al fine di addivenire all’identità dei destinatari finali delle bottiglie pregiate rubate – fanno sapere dalla questura di Arezzo –  si sospetta infatti che questa tipologia di furto, il cui trend è in forte ascesa, vada ad  alimentare un mercato illegale che attraverso canali non convenzionali rifornisce gli esercizi pubblici del centro Italia”.

blog comments powered by Disqus