Prepara biscotti alla marijuana, amico e nipote di 9 anni li mangiano e finiscono in ospedale

Un uomo di 40 anni e il suo nipotino di 9 anni sono stati ricoverati in ospedale per aver mangiato dei biscotti alla marijuana. L'episodio è successo domenica, dopo pranzo in Valdarno. "Le analisi cliniche - si legge nella nota della questura -...

marijuana3

Un uomo di 40 anni e il suo nipotino di 9 anni sono stati ricoverati in ospedale per aver mangiato dei biscotti alla marijuana. L'episodio è successo domenica, dopo pranzo in Valdarno.

"Le analisi cliniche - si legge nella nota della questura - hanno riscontrato la presenza nel sangue di tetracannabinoidi, sostanze derivate dalla cannabis e, pertanto, i sanitari hanno immediatamente avvisato gli agenti del commissariato di Montevarchi".

E così, i poliziotti, hanno chiesto lumi al 40enne. E' emerso che zio e nipote avevano mangiato, nella mattinata, alcuni biscotti fatti a mano da un amico di famiglia, che - si è scoperto - ne aveva preparati alcuni "speciali", nel cui impasto erano state sminuzzate delle foglie di marijuana. I biscotti all'erba erano stati - sostiene il "pasticciere" - inavvertitamente messi nella scatola regalo insieme a quelli normali.

"Dopo un periodo di osservazione zio e nipote sono stati dimessi dall'ospedale mentre gli agenti hanno provveduto a sequestrare i biscotti alla cannabis rimanenti", chiude la nota della questura aretina. E adesso la Polizia accerterà eventuali responsabilità penali dell'accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Una tempesta ferma due treni, sfonda finestrini e ferisce i passeggeri. Maxi esercitazione in provincia di Arezzo

  • Incidente lungo la Regionale 71. Due giovani ferite

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Caos alla stazione: studente di 15 anni pestato finisce in ospedale

  • Runner 45enne in arresto cardiaco, ragazza in bici si ferma e gli fa il massaggio al cuore: salvato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento