Ponte Morandi, verso nuovi indagati per la tragedia nella quale morirono due giovani aretini

La Procura di Genova pare voglia accelerare i tempi: sarebbe infatti in arrivo una relazione finale sul lavoro svolto dal 14 agosto a oggi e, stando a quanto dichiarato dal procuratore capo di Genova Francesco Cozzi il numero degli indagati potrebbe salire.

Potrebbero esserci nuovi indagati per il crollo del ponte Morandi di Genova. Nella tragedia, avvenuta lo scorso 14 agosto, persero la vita 43 persone, tra le quale i due aretini  Stella Boccia di 24 anni e Carlos Jesus Trujillo di 27. 

La Procura di Genova pare voglia accelerare i tempi: sarebbe infatti in arrivo una relazione finale sul lavoro svolto dal 14 agosto a oggi e, stando a quanto dichiarato dal procuratore capo di Genova Francesco Cozzi il numero degli indagati potrebbe salire. Adesso sono 21 le persone iscritte nel registro degli indagati. Intanto è stata fissata la prima udienza per il primo incidente probatorio, che si svolgerà il prossimo 8 febbraio.  

Intanto poco prima di Natale Autostrade per l'Italia aveva reso noti i risultati di alcune sue perizie con una dichiarazione del professor Giuseppe Mancini, coordinatore dei periti di Autostrade per l'Italia e professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso il Politecnico di Torino. Stando a tali risultati, il ponte non sarebbe caduto per la rottura degli stralli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto sotto la doccia

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • Da Arezzo al Grande Fratello: Jacopo Poponcini nella casa più spiata d’Italia

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fa il pieno ma non riesce a pagare con la carta. Dice al benzinaio: "Stai sereno", poi scappa

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento