"Hanno spostato di peso le auto del Comune per attraversare il ponte chiuso", sindaco denuncia su Facebook i trasgressori

Lo sfogo di Simona Neri sui social: un'ordinanza vietava il transito per motivi di sicurezza. Transenne divelte e lampeggianti distrutti

Hanno spostato due auto del comune, poste a barriera protettiva di un ponte, alzandole di peso. Poi hanno attraversto il viadotto, chiuso dal sindaco perché pericoloso. La vicenda, che ha dell'incredibile, si è verificata l'altra notte a Laterina, dove il ponte Catolfi è stato chiuso con una ordinanza per motivi di sicurezza pubblica e sotto stato di allerta meteo. 

A raccontare tutto quanto su Facebook è stata il sindaco Simona Neri che ha scritto:  

Ponte Catolfi: per qualche minuto di percorrenza in più vale la pena mettere in pericolo l'incolumità di chi si trova, magari ignaro, a passare da un ponte che in realtà risulta chiuso da ordinanza per motivi di sicurezza pubblica e sotto stato di allerta meteo?!

Ecco quello che è successo stanotte: qualcuno ha alzato di peso le auto del Comune posizionate a chiusura dei due lati di accesso del Ponte, ha ribaltato le due transenne (dove tra l'altro si trovava affisso il testo dell'ordinanza) e spaccato i lampeggianti. Le auto erano state posizionate proprio perché recentemente "qualcuno" aveva già spostato le transenne per transitare sul ponte trovando il ponte chiuso.

Poi i ringraziamenti al personale del comune e l'auspicio che non accada più nulla del genere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ringrazio tutti i cittadini, e dipendenti comunali e quegli amministratori che talvolta si sono trovati a rimettere in posizione le barriere per garantire la sicurezza di tutti. Mi auguro che non si verifichino mai più reati così pericolosi ed atti vandalici così gravi: siamo tutti impegnati nelle operazioni di Protezione Civile e la superficialità di pochi rischia di intralciare, o peggio vanificare, il lavoro di un team preparato e che con responsabilità agisce a protezione della comunità intera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento