Di notte con la torcia che osserva le auto in sosta. 34enne arrestato per aver dichiarato false generalità

L'episodio, che va visto l'intervento dei carabinieri, è accaduto tra via Alfieri e il Villaggio Dante

Si aggirava in via Alfieri, munito di una torcia con la quale osservava all'interno delle auto in sosta. Così, un 34anne di origini tunisine, vistosi scoperto dai carabinieri si è dato alla fuga, ma è stato bloccato.

Il fatto è accaduto di notte, durante un servizio di controllo del territorio dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Arezzo.

Il giovane, dopo un breve inseguimento è stato bloccato dai carabinieri nei pressi del Villaggio Dante. Il 34enne è risultato essere privo di documenti ed ha fornito false generalità per eludere i controlli e nascondere la sua vera identità.

L’uomo è stato così arrestato e, su disposizione dell’autorità giudiziaria, trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale dei Carabinieri di Arezzo in attesa di rito direttissimo. Dovrà rispondere del reato di false dichiarazioni sull’identità personale. Dai controlli dei militari è risultato essere pluripregiudicato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus in due famiglie dell'Aretino, ordinanza di Rossi: "Trasferimenti negli alberghi sanitari o multe"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento