Covid-19: la prima vittima del virus è di Badia Tedalda. Decine di tamponi eseguiti in paese

L'annuncio è arrivato questa mattina, 21 marzo. In concomitanza sono state avviate le procedure per i eseguire 60 tamponi sulla popolazione badiese

La prima vittima del virus in provincia di Arezzo ha 91 anni ed è un cittadino di Badia Tedalda. Il triste annuncio è quello comparso sul profilo Facebook del sindaco Alberto Santucci e su quello del Comune valtiberino. 

"Sono spiacente di comunicare che un nostro concittadino di anni 91 è deceduto. E' la prima vittima del virus a Badia. Sincere condoglianze alla famiglia".

Un episodio drammatico per il piccolo centro che, come altri della provincia, sta vivendo ore particolarmente complicate e difficili. Nei giorni scorsi erano risultati positivi al Covid sia il vice sindaco che il medico di medicina generale che una volontaria della Misericordia e, anche in quella occasione, l'annuncio era stato dato direttamente dal primo cittadino. 

"Chiunque ha avuto rapporti ravvicinati con loro dal 7 marzo in poi (io compreso) deve autoisolarsi per 14 giorni consecutivi (è obbligatorio). Di questi che hanno avuto contatti chi ha la febbre chiami il servizio igiene della AUSL (Dr. Conti, Dr.ssa Leonardi) ed avrà il tampone. Il medico sarà sostituito dal dottor Pellegrini di San Giustino. L’infermiere i è risultato negativo. Ho chiesto all’assessore Regionale Stefania Saccardi di disporre una task force per Badia Tedalda con dotazioni di mascherine idonee per la popolazione e tamponi a tappeto per tutti quelli che vogliano farlo. Sono fiducioso di convincerla. Evitate di uscire di casa, evitate di uscire dal territorio comunale".

Il primo caso di contagio a Badia Tedalda si è registrato lo scorso 13 marzo. Da allora l'amministrazione ha messo in piedi una serie di iniziative volte al contenimento del contagio oltre che alla sanificazione degli ambienti pubblici e delle aree di maggior transito.

Questa mattina invece, grazie all'impegno del personale della Misericordia e della Asl Toscana sud est, sono stati avviati i tamponi sulla popolazione. Come richiesto da Santucci stesso, i test sono stati eseguiti in loco così da evitare lo spostamento dei cittadini che potrebbero aver contratto il virus. Si tratta in tutto di circa sessanta persone che in base alle prenotazioni hanno effettuato il controllo nella stazione mobile allestita davanti al palazzetto dello sport del capoluogo. I prelievi sono stati messi in atto facendo rimanere i pazienti direttamente a bordo delle proprie vetture. Al momento il territorio badiese conta 10 contagi e tutta la giunta comunale si trova in quarantena.

Sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere regionale della Lega, Marco Casucci sottolineando come: "ero stato tra i primi ad appoggiare pienamente la motivata richiesta del sindaco Santucci di Badia Tedalda di sottoporre a tampone alcune decine di abitanti della piccola località aretina, dopo che il vicesindaco, il medico condotto ed altre persone erano, purtroppo, risultate positive. Era quindi doveroso che ci si attivasse immediatamente per sottoporre un numero adeguato di residenti allo specifico test per verificare lo stato di salute degli stessi. E' altresì un valido mod per rassicurare la popolazione che, ovviamente, sta vivendo ore particolarmente angoscianti, considerato anche il decesso di un novantenne del posto. Il nostro auspicio è ovviamente che le persone analizzate risultino negative, riportando così un pò di serenità in tutti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella giornata di ieri, all'interno dell'ospedale San Donato di Arezzo, è morto anche un altro paziente risultato positivo al Covid-19. Si tratta di un 89 di Piancastagnaio arrivato al nosocomio su disposizione dell'azienda sanitaria direttamente da Siena. Al momento, per entrambi si attende la certificazione da parte della Regione Toscana che, come previsto dal protocollo, ha il compito di confermare (o meno) il decesso in seguito al contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

*** AGGIORNAMENTO 21 marzo ore 16.29
Secondo il bollettino giornaliero della Regione Toscana, tra i 25 decessi a causa del Covid-19 è da annoverare anche quello dell'89enne di Piancastagnaio.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento