Mortale in via Dal Borro: auto contro vela, la vittima aveva 33 anni. L’sos di un vigilante

L’incidente è avvenuto, secondo le prime ricostruzioni delle forze dell’ordine, poco dopo l’1. La Mini bianca guidata dal 33enne Mario Caracuta (solo all’interno dell’abitacolo), proveniente da Pescaiola e diretta verso via Vittorio Veneto, ha sbandato all’intersezione con viale Cittadini, probabilmente in corrispondenza del cordolo dell’attraversamento pedonale posto nei pressi del sottopasso dei Carabinieri.

Mattia Cialini
Mattia Cialini
Invia per email  |  Stampa  |   9 gennaio 2017 9:13  |  Pubblicato in Cronaca, Arezzo

Articoli correlati



incidente-dal-borro-4

Un terribile incidente, il secondo mortale in provincia di Arezzo nel 2017. Durante la scorsa notte un giovane di 33 anni, Mario Caracuta, ha perso la vita mentre stava guidando la sua Mini One tra via Alessandro Dal Borro e viale Luigi Cittadini, lungo la ferrovia. Ha sbattuto contro un camion-vela, l’impatto è stato violentissimo.

L’incidente è avvenuto, secondo le prime ricostruzioni delle forze dell’ordine, poco dopo l’1. La Mini bianca guidata dal 33enne (solo all’interno dell’abitacolo), proveniente da Pescaiola e diretta verso via Vittorio Veneto, ha sbandato all’intersezione con viale Cittadini, probabilmente in corrispondenza del cordolo dell’attraversamento pedonale posto nei pressi del sottopasso dei Carabinieri.

I vigili del fuoco al lavoro questa notte


L’impatto contro il retro del camion

L’auto avrebbe perso così aderenza sull’asfalto, andando a impattare con forza contro il retro di un camion con una vela pubblicitaria, parcheggiato a bordo strada. Erano due i mezzi-vela presenti, posteggiati uno davanti all’altro: la Mini bianca ha colpito il primo, l’urto tremendo è stato proprio in corrispondenza del lato guidatore. A causa della violenza dello scontro, il primo camion è andato a sbattere contro quello parcheggiato più avanti; la Mini, invece, è stata sbalzata di alcuni metri, girandosi di 180°. Ha finito la propria corsa con la parte anteriore rivolta verso Pescaiola.

Il tratto di strada interessato dall’incidente


L’allarme della guardia giurata

Ad accorgersi per primo dello schianto, in una strada in quel momento deserta, è stato un vigilantes. L’uomo ha chiamato i soccorsi, ma i sanitari arrivati sul posto in ambulanza hanno potuto soltanto constatare il decesso del 33enne. I vigili del fuoco hanno lavorato fino alle 3,45 per liberare il corpo del giovane dalle lamiere e per mettere in sicurezza la strada. I rilievi sono stati effettuati dalla polizia stradale, in ausilio agli agenti anche i carabinieri di Arezzo. La vittima lascia la fidanzata e la famiglia, di origini meridionali ma da anni residente ad Arezzo. I genitori sono titolari di un negozio di specialità alimentari a Saione.

@MattiaCialini

 Mattia Cialini 
Mattia CialiniNato nel 1983, lacustre trapiantato in Toscana. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Laureato in comunicazione di massa all'Università di Siena. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002. Sommelier Ais
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus