Yacht confiscato, mossa a sopresa della difesa di Moretti: proposto il versamento di oltre mezzo milione di euro

Il giudice si è riservato la decisione entro alcuni giorni

Asta sospesa e una proposta sul piatto davvero importante. Questa mattina di fronte al giudice Fruganti si è svolta una nuova udienza sulla confisca dei beni di Andrea Moretti: lo yacht e lo storico palazzo fiorentino. E' stato in questa occasione che la difesa di Moretti, rappresentata dai legale Niki Rappuoli e Cordeiro Guerra, hanno proposto di versare direttamente una somma di 540 mila euro per evitare la vendita all'asta. Una proposta che è stata accolta dalla Procura e sulla quale adesso dovrà esprimersi il giudice. 

Nel frattempo un primo provvedimento è stato preso: l'asta è stata sospesa per 15 giorni. Il tempo necessario al giudice per valutare la proprosta e decidere. 

La decisione di mettere all'asta lo yacht, già confiscato nelle prime battute dell'inchiesta che ha coinvolto l'intero gruppo Moretti, era arrivata in relazione ad un'altra vicenda: quella su un presunto debito con il fisco che secondo l'accusa ammonterebbe a circa tre milioni di euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

  • New Delhi, oltre 30 decessi sospetti in Toscana. L'infettivologo di Arezzo: "Vi spiego come si previene"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento