Molotov contro la caserma dei Carabinieri, al vaglio i filmati delle telecamere del Comune

Caccia all'autore dell'attentato di Pergine: proseguono le indagini. Esclusa la pista politica

Minuti e minuti di immagini da visionare, analizzare e valutare: proseguono le indagini dei Carabinieri sull'attentato alla caserma di Pergine Valdarno.

In questi giorni i militari hanno acquisito i filmati girati dal sistema di videosorveglianza del Comune. Le telecamere sono poste su alcuni varchi in ingresso e in uscita al centro cittadino, ma non tutte e strade sono interessate. E' un lavoro certosino quello dei Carabinieri, che potrebbe portare ad individuare movimenti sospetti o elementi che possano dare indicazioni sull'autore del gesto. 

Nelle ore successive al lancio della molotov sono stati eseguiti gli accertamenti di prassi. Gli investigatori sono partiti da casi che potevano presentare delle similitudini e da persone coinvolte in simili episodi, e hanno dato il via ad una serie di verifiche. Controlli munizioni che però, per il momento, non avrebbero portato a individuare nessun sospetto. Quella che invece sarebbe state esclusa è la pista politica. Tutto infatti lascerebbe pensare ad una questione personale, a qualcuno che ha riversato la sua rabbia contro l'Arma dei Carabinieri forse per vicende private. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Molotov contro la caserma, distrutta un'auto di servizio

L'attentato

La bottiglia incendiaria è stata lanciata nel cuore della notte tra il 6 e il 7 gennaio. Era l'1,40 quando un botto ha svegliato di soprassalto i residenti. Subito i militari sono accorsi: il tempo per vedere le fiamme che iniziavano ad avvolgere l'auto di servizio e chiamare i vigili del fuoco. La Fiat Grande Punto è andata completamente distrutta. E di primo mattino è stata porta portata via. 
Subito sono scattate le indagini: per prima cosa sono state visionate tutte le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza della caserma. La persona che ha scagliato l'ordigno pare fosse posizionata in un "cono d'ombra", fuori dunque dalla visuale delle apparecchiature. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

  • Morto durante un giro in moto: l'amico Gamurrini ha tentato di salvarlo. Agnelli: "Sconvolti"

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento