Caso Martina, subito un rinvio per decidere sulle eccezioni preliminari. Il pm: "No a Verdone in aula"

I due ragazzi di Castiglion Fibocchi, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, come annunciato non erano in aula. Per loro hanno parlato, a lungo, i legali. Presenti come sempre i genitori di Martina, Bruno e Franca Rossi. Ha preso il via così, di...

rossi_pm,

I due ragazzi di Castiglion Fibocchi, Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi, come annunciato non erano in aula. Per loro hanno parlato, a lungo, i legali. Presenti come sempre i genitori di Martina, Bruno e Franca Rossi. Ha preso il via così, di fronte al collegio presieduto dal giudice Angela Avila, presso la Vela, il procedimento per la morte della studentessa ligure che perse la vita precipitando da un balcone di un hotel di Palma di Maiorca il 3 agosto 2011. Due ore di questioni preliminari e poi il rinvio, al prossimo 27 marzo.

I primi a prendere la parola sono stati gli avvocati della difesa che hanno riproposto, come previsto dalla procedura penale, le eccezioni non accolte dal gup Ponticelli. Stefano Buricchi, legale di Luca Vanneschi, ha chiesto che non venissero ammesse agli atti le intercettazioni telefoniche dei due ragazzi (di fatto l'elemento che più di tutti li metterebbe in difficoltà) e che alcuni testi dell'accusa, in particolare alcuni poliziotti spagnoli, non venissero ammessi in quanto indicati non con nome e cognome ma solo con un numero in codice. L'avvocato Tiberio Baroni, legale di Alessandro Albertoni, ha riproposto l'eccezione giù presentata ma non accolta, di fronte al Gup, del ne bis in idem. Secondo la tesi di Baroni i due giovani sono già stati imputati e processati in Spagna e ci sarebbero ben tre gradi di giudizio sulle loro spalle, pertanto per lo stesso reato non dovrebbero essere di nuovo giudicati.

Il procuratore capo Roberto Rossi, da parte sua, ha chiesto che le eccezioni venissero respinte e ha anche chiesto che tre testi della lunga lista di Baroni ( 77 persone in tutto) non venissero ascoltati. Si tratta del regista Carlo Verdone, citato perché parli di una scena di un suo film dove un personaggio femminile si suicida, un pm della procura di Genova che si era occupato del caso e un giornalista aretino per un articolo scritto sulla vicenda. Secondo Rossi, il regista e il suo film non hanno attinenza con la vicenda, mentre sarebbe irrilevante l'articolo scritto dal giornalista. Per quanto riguarda il pm, sarebbe formalmente non corretto chiedere che parli di una vicenda della quale si è occupato e che non è ancora conclusa.

La decisione su queste eccezioni si saprà solo tra poco più di un mese, quando molto probabilmente sarà stilato anche un calendario delle udienze, mentre l'ombra della prescrizione si allunga già su tutto il procedimento.

Amarezza per i genitori di Martina all'uscita dall'aula:

"Ogni volta la stessa storia, ogni volta ci sono tentativi di delegittimare quello che è stato fatto fino ad oggi - ha detto Bruno Rossi -. Gli imputati? Li ho visti una sola volta. Se fossero miei figli però direi loro di parlare, di spiegare cosa è successo, di chiedere scusa".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Il decreto Milleproproghe slitta di due anni. Il Comune costretto ad accendere mutui per il piano triennale delle opere pubbliche

  • Attualità

    Ecco il progetto per una pista da pump track in via Lebole

  • Attualità

    "Non risparmiate sui nostri bambini". Genitori sul piede di guerra contro il centro unico di cottura per le scuole

  • Cronaca

    Caso Martina Rossi, stop a 23 testimoni. Ora è corsa verso la sentenza

I più letti della settimana

  • In sosta col disco orario "a motore", multa salata per automobilista di Foiano

  • Polmonite, 100 casi gravi all'ospedale di Arezzo nel 2018. I sintomi da non sottovalutare

  • Furgone fuori strada sulla 71 a Ceciliano: ferito 55enne. Traffico bloccato

  • Domenica aretina per Antonio Conte. L'ex ct a messa da don Alvaro

  • Scontro tra due bus con 50 feriti. La maxi esercitazione

  • "Spaccio quotidiano e siringhe a terra. Porto mia figlia a scuola facendomi largo tra i pusher"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento