Ladri nel Circolo 92 della Chiassa: rubata una cucina industriale, pentole e posate

Una cucina scomparsa nel nulla. E con i fornelli si sono volatilizzate anche tegami e posate. E' un furto che ha lasciato di stucco quello messo a segno nel Circolo 92 della Chiassa Superiore, dove nella notte tra domenica e lunedì i ladri sono...

circolo chiassa3

Una cucina scomparsa nel nulla. E con i fornelli si sono volatilizzate anche tegami e posate. E' un furto che ha lasciato di stucco quello messo a segno nel Circolo 92 della Chiassa Superiore, dove nella notte tra domenica e lunedì i ladri sono tornati a colpire. Si tratta infatti della seconda "visita", la prima è antecedente a Natale, quando furono portati via alcuni dolciumi dal bar e carne pronta per essere messa arrosto. Ieri un'altra amara sorpresa: il custode è entrato nel circolo per controllare che tutto fosse a posto dopo la festa di domenica di carnevale e una volta varcata la soglia della cucina ha visto il vuoto nell'angolo dei fornelli.

"Ci ha telefonato chiedendo dove avevamo messo la cucina - spiega Gabriele, presidente del circolo - noi pensavamo si riferisse alle chiavi, invece lui intendeva proprio i fornelli e non solo. Materiale acquistato con anni di sacrifici e che ci serviva per organizzare quegli eventi che permettono poi di "mandare avanti" il Circolo e il campo ".

In pratica i ladri sono entrati nel cuore della notte: erano due forse tre persone e hanno smontato la cucina industriale con 4 fuochi in acciaio. Un lavoro che agli occhi delle vittime è apparso curato e probabilmente pianificato da tempo. Non solo, sono stati trafugati anche un bollitore professionale per la pasta, un pentolone utilizzato per il sugo, tutte le forchette, tutti i coltelli e un tavolo da lavoro. Per portare via tutta la refurtiva, i malviventi devono avere avuto un mezzo capiente che qualcuno potrebbe aver notato. Purtroppo in zona non ci sono telecamere di sorveglianza. Il bottino è di circa 4mila euro, ma il danno maggiore probabilmente è il fatto che le attività del circolo subiranno una battuta d'arresto finché almeno i fuochi non saranno ricomprati.

Non è il primo colpo di questo genere in quella zona. Poco tempo fa anche a Ca' di Buffa il capannone attrezzato gestito da una squadra di caccia al cinghiale fu visitato: in quel caso furono trafugati coltelli e selvaggina.

Nelle campagne aretine l'ondata di furti sembra non arrestarsi. E alla Chiassa sta accadendo come poche settimane fa a Campoluci. Con annessi presi di mira e scorribande notturne.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Il decreto Milleproproghe slitta di due anni. Il Comune costretto ad accendere mutui per il piano triennale delle opere pubbliche

  • Attualità

    Ecco il progetto per una pista da pump track in via Lebole

  • Attualità

    "Non risparmiate sui nostri bambini". Genitori sul piede di guerra contro il centro unico di cottura per le scuole

  • Cronaca

    Caso Martina Rossi, stop a 23 testimoni. Ora è corsa verso la sentenza

I più letti della settimana

  • In sosta col disco orario "a motore", multa salata per automobilista di Foiano

  • Polmonite, 100 casi gravi all'ospedale di Arezzo nel 2018. I sintomi da non sottovalutare

  • Furgone fuori strada sulla 71 a Ceciliano: ferito 55enne. Traffico bloccato

  • Domenica aretina per Antonio Conte. L'ex ct a messa da don Alvaro

  • Scontro tra due bus con 50 feriti. La maxi esercitazione

  • "Spaccio quotidiano e siringhe a terra. Porto mia figlia a scuola facendomi largo tra i pusher"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento