"Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

Un nuovo episodio si è verificato in Valtiberina. Dopo l'anziano che si è trovato faccia a faccia con il ladro, una famiglia racconta

Si sono intrufolati in una abitazione nel cuore della notte e mentre proprietari dormivano hanno fatto man bassa di borselli, gioelli, contanti e generi alimentari e qualche indumento. Un bottino da circa 500 euro. 

Ancora un colpo è stato messo a segno in Valtiberina. Questa volta i malviventi hanno colpito a Tavernelle di Anghiari. Il modus operandi appare lo stesso utilizzato nei giorni scorsi a Ponte alla Piera e Caprese

L'ultimo colpo è stato messo a segno nella notte tra venerdì e sabato. Le vittime se ne sono accorte solo al mattino. 

"Verso le 9 - racconta una donna - mia madre si è svegliata e ha notato la finestra del bagno leggermente aperta. Dopodiché, ha notato che la sua borsa non era più al solito posto, quindi è venuta a svegliarmi chiedendomi se l'avessi spostata o presa. D'istinto, ho controllato la mia borsa, davanti al mio letto e ho notato che mancava il portafoglio".

Così le vittime hanno subito chiamato i carabinieri.

Mio padre stava tornando a casa in quel momento. Abbiamo così scoperto che anche il suo portafoglio era sparito. E' stato allora che ci siamo accorti che avevano portato via anche pane, affettati e altri generi alimentari. In camera mia hanno rubato alcuni indumenti, mentre hanno rubato il portagioie dal comodino di mia madre. Telefoni e computer non sono stati toccati. Successivamente abbiamo ritrovato borselli, borse e portagioie dietro casa, sparpagliati per terra. Non hanno rubato carte di credito o documenti, ma solo contanti e spiccioli. In totale, si sono portati via una refurtiva di circa 500 euro, tra gioielli e soldi".

I ladri sono entrati svitando le viti della finestra al piano terra e poi, dopo aver visitato l'abitazione e trafugato soldi e gioielli, sono usciti dalla finestra del bagno sempre a piano terra. "Nonostante siano entrati nelle nostre camere e abbiano rovistato nei nostri comodini, non ci siamo svegliati" raccontano increduli i familiari. 

In questo periodo in Valtiberina ci sono state numerose segnalazioni di furti o tentativi di furto. Nella media invece sono rimaste le denunce presentate alle forze dell'ordine. Nonostante questo i militari dell'Arma hanno previsto una serie di servizi preventivi straordinari svolti già in questo fine settimana volti a prevenire altri episodi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto lungo la regionale 71: strada temporaneamente chiusa. Due feriti

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento