Tragedia nella notte: muore in scooter 35enne di Capolona. Faceva il pizzaiolo ad Arezzo

Si chiamava Shpetim Halili, era residente nel basso Casentino e lavorava al Mi và di PIù di piazza Sant'Agostino. Originario dell'Albania era in Italia da una vita. Lascia la moglie e un bimbo di un anno e mezzo

Immagine tratta da facebook

Un altro tragico incidente stradale nell'Aretino. Nella notte ha perso la vita un 35enne residente a Capolona,Shpetim Halili, sposato, padre di un figlio di un anno e mezzo. Originario dell'Albania, Shpetim era in Italia da una vita. Faceva il pizzaiolo nel ristorante del centro storico di Arezzo Mi Và di Più. Lavorava lì da quasi 20 anni ed era praticamente uno di famiglia per i Caldiero, i proprietari del locale sulla terrazza di piazza Sant'Agostino.

La dinamica da ricostruire

Non è stata chiarita la dinamica dell'incidente. Si sa che Shpetim stava percorrendo la strada regionale 71 da Arezzo verso Capolona, quando si è verificato il sinistro che lo ha ucciso. L'incidente è avvenuto all'altezza di Sitorni e la polizia locale di Arezzo ha posto sotto sequestro sia lo scooterone in sella al quale si trovava il 35enne, sia l'auto, una Fiat 500 L, guidata da un aretino di circa 60 anni, che sarebbe coinvolta. Gli inquirenti, coordinati dal pm Marco Dioni della procura di Arezzo, devono capire se il motorino sia caduto a terra prima del contatto con l'automobile o successivamente.

Dopo lo schianto, avvenuto poco dopo la mezzanotte mentre il 35enne tornava a casa dal lavoro, sono immediatamente intervenuti i sanitari del 118 che hanno tentato tutte le manovre rianimatorie, ma inutilmente. Gli operatori non hanno potuto fare altro che constatare la morte del giovane.

"Sempre di buon umore e con la battuta pronta"

Un ragazzo semplice e amabile, allegro, con la battuta pronta: ironico e autoironico. Così lo descrive chi lo conosceva bene. Lavoratore infaticabile e dedito alla famiglia. Tra i pochi svaghi che si concedeva Shpetim c'era il calcetto assieme agli amici, una volta a settimana. Abitava ad Arezzo un tempo, da poco aveva acquistato casa a Capolona e faceva avanti e indietro con lo scooter dal lavoro. Era andato ad abitare nel basso Casentino con la moglie, dopo il matrimonio. E da poco, un anno e mezzo, era anche diventato padre di un bambino.

Il precedente

E' il secondo incidente mortale in poche ore nell'Aretino. Venerdì era scomparso un 29enne di Montevarchi, Fabiano Vitucci. Anche lui era in sella a una due ruote quando ha perso la vita.

Dramma della strada in Valdarno, muore 29enne

Si chiamava Fabiano Vitucci, aveva fatto il corteggiatore a Uomini e donne

Attesa per il funerale di Vitucci a Montevarchi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento