Tentano di vendere le chitarre dei Negrita ma vengono scoperti: in due finiscono nei guai

I due dovranno rispondere del reato di ricettazione.

Tutte ritrovate e consegnate ai legittimi proprietari.
A distanza di pochi giorni dal furto delle chitarre appartenenti ai Negrita ecco che le forze dell'ordine sono riuscite a recuperare tutti gli strumenti spariti dallo studio di registrazione di Castelnuovo di Subbiano nella notte di Natale.

A dare l'allarme il giorno di Santo Stefano era stato Enrico Salvi, o Drigo come è meglio conosciuto dai fan della band.

"La scorsa notte mi sono state rubate due chitarre. Sottrarre ad un musicista il suo strumento equivale a mutilare una persona di un arto. Sorvolo sul dolore che è cosa mia. Domani cercherò fra le mie foto e le posterò insieme a qualche dettaglio, lo farò su consiglio di amici. Mi dicono che potrebbe aiutare".

Qualche giorno più tardi, esattamente il 3 gennaio, due uomini si sono presentati all'interno di un negozio di strumenti musicali di Perugia. Qui hanno proposto al titolare l'acquisto di due chitarre.
Ma fino dai primi momenti il negoziante è rimasto scettico e quando ha iniziato a fare domande sulla provenienza degli striumenti i due hanno ceduto al nervosismo e sentendosi scoperti hanno scelto di darsi alla fuga.

Così sono usciti dal negozio, sono saliti a bordo di un'auto e se la sono data a gambe levate lasciando sul bancone le chitarre.
Pochi istanti dopo è stato il proprietario dell'attività ad avvisare il 113 e fornire un'esatta ricostruzione dei fatti con tanto di specifica sul numero di targa della vettura a bordo della quale i due era scomparsi.

Sulle loro tracce si è messa dunque la polizia di Perugia che però è riuscita soltanto a risalire all'identità del proprietario degli strumenti: Cesare Petricich o per meglio dire Mac dei Negrita.
Questa mattina gli agenti perugini hanno provveduto a restituire al legittimo proprietario una Gibson Les Paul Sunburst e una Teleglitter.

Parallelamente nella giornata di ieri i carabinieri della compagnia di Arezzo hanno individuato e denunciato due persone trovate in possesso delle tre delle cinque chitarre rubate ai Negrita.

Si tratta di due pregiudicati di 51 e 36 anni con precedenti per furto e ricettazione.

L’attività investigativa condotta dalla stazionedi Subbiano insieme ai colleghi del nucleo operativo e radiomobile di Arezzo, ha avuto una svolta proprio in seguito alla loro visita all'interno del negozio di Perugia. E' stato grazie alla collaborazione con la questura umbra che i militari hanno individuato i responsabili i quali erano stati persino immortalati dalle telecamere di videosorveglianza della zona.

I due sono stati rintracciati nelle campagne limitrofe a Capolona. Qui all'interno di un capannone, situato in un terreno tra i comuni di Subbiano ed Anghiari, erano state recuperate le chitarre mancanti ed alcuni amplificatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due dovranno rispondere del reato di ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento