Agenti sotto copertura acquistano droga per stanare i pusher del Pionta: sono 41 gli arresti

I dettagli dell'operazione di polizia al Pionta e dintorni: indagine lunga cinque mesi

Trentasette arresti differiti e altri 4 in flagranza di reato: sono 41 le persone coinvolte in un maxi giro di droga. La Squadra Mobile ed il Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato hanno appena concluso una grande operazione contro lo spaccio ad Arezzo città: un centinaio gli uomini impegnati negli ultimi due giorni. Ma l’indagine è durata cinque mesi.

L’attività investigativa, infatti, diretta dalla Procura della Repubblica di Arezzo, è stata avviata a dicembre dai due uffici - Mobile e Sco - con il supporto della direzione centrale per Servizi Antidroga e della Scientifica.

Elicotteri, cani e parco cinturato: blitz da film al Pionta

Maxi blitz antidroga: 30 arresti in città

E' stata condotta nell’ambito del progetto “Pusher 3 – Piazza Pulita" che ha visto l'impiego di agenti sotto copertura per l’acquisto simulato di droga. Una mossa che ha permesso di eludere l’ostacolo della “modica quantità”. Infatti i pusher erano soliti girare con una sola dose, quella da recapitare all’acquirente. L’acquisto simulato, continuato per giorni, ha permesso di documentare un’attività di spaccio sistematico, complesso, con le “riserve” di droga interrate nel parco e pronte per essere spacciate all’occorrenza. Sono centinaia - una decina per ogni arrestato, all'incirca - le cessioni "riprese" dalle sei telecamere nascoste piazzate dalla Scientifica negli angoli più "caldi" del parco. Gli arrestati sono tutti africani, tra i 20 e i 45, in buona parte richiedenti asilo. Metà sono nigeriani, in particolare dediti alla vendita di cocaina ed eroina nella parte alta del parco; ci sono poi centrafricani (ghanesi, ivoriani...) impegnati nella vendita di hashish nei pressi di viale Cittadini e zona Duomo Vecchio, mentre i marocchini stazionavano nella zona che guarda verso l'ospedale San Donato.  Gli arresti sono stati eseguiti ad Arezzo città, ma anche in provincia, a Lucignano e a Rassina, ad esempio. Recuperati alcune centinaia di grammi di droga, tra quella leggera e quella pesante, e contanti (addosso a un singolo arrestato sono stati trovati, ad esempio, 5mila euro in banconote) e infine una pistola a salve. Segnalati, nell'ambito dell'indagine, circa 70 assuntori, aretini in buona parte, tra cui alcuni minorenni. Uno addirittura, ha appena 14 anni. E' stata segnalata una giovane coppia di acquirenti che faceva jogging e anche due persone in camice, in apparenza para-sanitari.

conferenza-arresti-droga-pionta-10-aggio-2019-polizia-2

E' fuggi fuggi, trovate droga e una pistola

I particolari sull’operazione sono stati forniti oggi nel corso della conferenza stampa in questura di Arezzo alla presenza del Procuratore della Repubblica Roberto Rossi, del questore Fabio Salvatore Cilona, dal dirigente della Squadra mobile aretina Francesco Morselli, dal commissario capotecnico della Scientifica Stefano Casales e dal vice questore Sco Luigi Bovio.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Ghinelli: "Una vittoria per la città"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra tir in A1: corsia a lungo chiusa, caos traffico. Due feriti estratti dalle lamiere

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

  • Mamma e figlia di 3 anni inseguite e minacciate per via di un parcheggio: "Siamo dovute correre dentro l'asilo"

  • Si sposano e il marito si ammala: lei sperpera e poi lo lascia. Denunciata

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento