Aretino in trasferta a bordo di una Mercedes fermato perché troppo lento: finisce in manette per droga

Intervento dei carabinieri di Empoli che tenevano d'occhio l'auto sospetta. Poi l'incontro con un 31enne marocchino, all'interno della cui auto c'era oltre un chilo di hashish

Un aretino è stato arrestato ieri in provincia d Pisa perché sorpreso assieme a un'altra persona, nella cui auto c'era oltre un chilo di hashish.

L'episodio risale a due giorni fa, venerdì 11 ottobre, e si è verificato a San Miniato, l'arresto è stato operato dai carabinieri della compagnia di Empoli: l'accusa degli inquirenti (entrambe le persone sono finite in manette) è "detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente". Assieme all'aretino, nei guai un marocchino, coetaneo, di Castelfiorentino. Entrambi sono incensurati.

Intorno alle ore 15,30, durante un servizio svolto in abiti civili, i carabinieri - riporta Pisatoday - hanno notato un’auto Mercedes Classe A percorrere la via Sanminiatese da Castelfiorentino in direzione San Miniato con un’andatura talmente lenta da insospettirli. Contemporaneamente è sopraggiunta una Fiat Punto condotta dal cittadino marocchino che si è fermato in attesa che qualcuno degli occupanti della Mercedes scendesse per raggiungerlo.
E’ stato proprio in quel momento che i militari hanno deciso di approfondire il controllo dei mezzi e delle persone coinvolte nell’inconsueto incontro che, anche in base alle circostanze relative al luogo, sembrava del tutto ingiustificato. Quanto ipotizzato è stato confermato dall’esito della perquisizione personale che ha consentito di rinvenire la somma di 2.420 euro all’interno della tasca del 31enne marocchino.All’interno del portabagagli, invece, in particolare nel vano destinato alla ruota di scorta, è stato trovato, ben occultato, un chilo di hashish suddiviso in dieci panetti confezionati con cellophane. Le successive perquisizioni domiciliari hanno permesso di rinvenire, all’interno dell’abitazione di A.E., ulteriori 2,29 grammi di marijuana ed una banconota falsa da 50 euro. Il tutto è stato sottoposto a sequestro e gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale Don Bosco di Pisa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 4 Ristoranti ad Arezzo: ci siamo. Arriva Alessandro Borghese

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • L'incendio dell'autocarro pieno di vernici: traffico bloccato nella Sr71

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • Allagamenti ad Arezzo: strade chiuse e piante crollate

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento