Elicottero, cani e parco cinturato: blitz da film al Pionta. E' fuggi fuggi, trovate droga e una pistola

Maxi operazione contro lo spaccio che si aggiunge agli arresti di ieri

Continua l'operazione anti-droga della Polizia di Stato ad Arezzo, dopo gli arresti di ieri, oggi pomeriggio maxi-blitz al Pionta per recuperare dosi di sostanze stupefacenti nascoste ed incastrare eventuali pusher. L'operazione - di grande impatto - è scattata intorno alle 14,30: quasi cento poliziotti coinvolti, è stato utilizzato anche un elicottero per monitorare dall'alto la situazione. Oltre alla droga scovata (si parla di circa 100 grammi), le forze dell'ordine hanno scoperto anche una pistola, occultata al pari degli stupefacenti tra le radici degli alti alberi del parco. Quindici i nascondigli scoperti, la pistola - assieme a due panetti di hashish - era sotto un cartone, all'interno di buste di plastica.

Maxi blitz antidroga: ieri 30 arresti in città

Gli agenti hanno cinturato l'area verde tra Saione e San Donato, presidiando ogni uscita: fuggi fuggi generale all'interno. Ci sono stati alcuni inseguimenti, al termine dei quali alcuni giovani che si trovavano nel parco sono stati fermati e perquisiti. Sequestrate dosi di hashish e marijuana, mentre non risultano rinvenute quantità di eroina e cocaina. Oltre alla droga, come detto, i poliziotti hanno anche trovato e posto sotto sequestro un'arma da fuoco (scovata dal cane Mia), riconducibile a uno degli spacciatori della zona.

In campo, oltre alla Squadra Mobile guidata dal dirigente Francesco Morselli, c'erano unità cinofile e gli uomini della Prevezione Anticrimine e l'elicottero. Secondo indiscrezioni, in attesa delle conferme ufficiali attese nella conferenza stampa di domattina, sarebbero una cinquantina in tutto le persone arrestate, tra le giornate di ieri e di oggi ad Arezzo per droga.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Abbiamo ottimi poliziotti, tra i migliori d'Europa ed immagino il loro imbarazzo nel dover fare, per esigenze di spettacolo, un intervento proprio in mezzo al passeggio pomeridiano. La frustrazione, sia delle forze dell'ordine che dei cittadini, non deriva dai magistrati che, dopo un giorno li rimettono fuori (basta cambiare la legge ed uno spacciatore rimane in prigione per anni) ma dal fatto che i manovali dello spaccio sono in numero infinito, sempre nuovi, oggi prevalgono i neri ma trent'anni fa non erano meno ed erano bianchi. Nel frattempo i datori di lavoro di questi manovali viaggiano su Rolls Royce con targa svizzera, investono nell'economia legale e comprano rispettabilità. Però nessuno vuol sentir parlare di antiproibizionismo, che sarebbe la soluzione per debellare le mafie ed eliminare lo spaccio.

  • Bravi i polizziotti

  • Bene avanti così

    • Come avevo scritto nell'altro post, bravissime le forze dell'ordine, ma poi ci sono i magistrati che li ributtano fuori, invece di farli tornare da dove sono venuti. Queste sono le famose persone che ci dovrebbero pagare le future pensioni, secondo la boldrini, alla faccia.

Notizie di oggi

  • Attualità

    Pochi infarti mortali, ma bassa recettività ospedaliera. Arezzo 47esima nella classifica della salute

  • Calcio

    Viterbese-Arezzo: biglietti esauriti. Le modalità della trasferta

  • Cronaca

    Arrestato per droga, non poteva avvicinarsi ad Arezzo: gli agenti lo trovano al Pionta. Denunciato

  • Attualità

    Croce in spalla macina chilometri: l'ex carcerato che salva i giovani di strada

I più letti della settimana

  • Fuori strada dopo le nozze, coppia di sposi al pronto soccorso

  • L'Arezzo va avanti: pari con il Novara (2-2). Il sogno continua

  • Auto fuori strada, 21enne in codice rosso a Careggi

  • Problemi a un treno in manovra a Pescaiola, ritardi sulla tratta Arezzo-Sinalunga

  • Bancarotta con le lavanderie self service: arrestata una 50enne

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento