Disastro E45: è crollata la strada. Voragine tra le due uscite di Pieve Santo Stefano

Una ferita enorme sull’asfalto, che divide a metà la carreggiata. Una parte resta in piedi, un’altra crolla. Le immagini della superstrada E45 tra le uscite di Pieve Santo Stefano sud e Pieve Santo Stefano nord, in direzione Cesena, sono impressionanti

Mattia Cialini
Mattia Cialini
Invia per email  |  Stampa  |   13 febbraio 2018 18:49  |  Pubblicato in Cronaca, Arezzo, Valtiberina

Articoli correlati



Una ferita enorme sull’asfalto, che divide a metà la carreggiata. Una parte resta in piedi, un’altra crolla. Le immagini della superstrada E45 tra le uscite di Pieve Santo Stefano sud e Pieve Santo Stefano nord, in direzione Cesena, sono impressionanti. La voragine è lunga alcuni metri, una porzione d’asfalto ha ceduto. Erano giorni che gli utenti segnalavano delle anomalie lungo quel tratto e nella notte tra domenica e lunedì i sinistri presagi si sono materializzati.

Buche, incidenti e inchieste

Non c’è pace per l’arteria, che a ogni nevicata – quest’anno, come lo scorso – si trasforma in un tragitto-calvario. E che finisce costantemente sotto i riflettori per la propria pericolosità, tra buche e incidenti. Alla fine del 2014 la procura di Arezzo aprì un’inchiesta per truffa ai danni dello Stato e attentato alla sicurezza dei trasporti. Qualche mese più tardi fu la vicina procura di Perugia ad aprire un fascicolo sul “tratto della vergogna”. Il lavoro dei magistrati ha portato, nel 2017, all’avviso di chiusura indagine a carico di cinque dirigenti dell’Anas. L’ipotesi di reato è quella di attentato alla sicurezza degli utenti per una manutenzione del manto stradale non adeguata.

A settembre la tragedia di Giuseppe Codovini

Ci sono investimenti all’orizzonte per lavori di sistemazione, ma ad oggi l’arteria rappresenta indiscutibilmente una delle grandi criticità infrastrutturali del panorama aretino e del centro Italia in generale. Tra le vittime recenti degli incidenti sulla E45 anche il noto manager umbro Giuseppe Codovini, insignito del premio Imprenditore dell’anno 2016, che perse la vita tra le due uscite di Sansepolcro, in direzione sud, lo scorso settembre.

L’ultimo disagio

E adesso le immagini dell’asfalto che, sempre in un tratto aretino, ha ceduto clamorosamente. Il crollo si è verificato al km 152 nord, nei pressi di una piazzola. Una delle due corsie, quella esterna, è stata chiusa al traffico e si procede con un restringimento, mentre in direzione sud la viabilità è regolare.

Foto concesse da Fuorisacco.com

@MattiaCialini

Tag:




 Mattia Cialini 
Mattia CialiniNato nel 1983, lacustre trapiantato in Toscana. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Laureato in comunicazione di massa all'Università di Siena. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002. Sommelier Ais
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus