Crollo sulla E45, sopralluogo degli esperti della procura di Arezzo: tra 20 giorni le prime indicazioni

Un geologo e un ingegnere. Sono i professionisti, incaricati dalla procura di Arezzo, che questa mattina hanno effettuato il primo sopralluogo sul teatro del crollo lungo la E45, tra le uscite di Pieve Santo Stefano. Si tratta del primo...

frana2-E45

Un geologo e un ingegnere. Sono i professionisti, incaricati dalla procura di Arezzo, che questa mattina hanno effettuato il primo sopralluogo sul teatro del crollo lungo la E45, tra le uscite di Pieve Santo Stefano.

Si tratta del primo passaggio, ne seguiranno altri. Occorreranno almeno tre settimane affinché il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, possa avere in mano i primi rilievi degli esperti. Mentre per i risultati definitivi della perizia occorrerà attendere ulteriormente.

L'incarico ai due periti è stato affidato per cercare di comprendere i perché del crollo, tra gli oggetti di un'inchiesta - sempre più voluminosa - che riguarda la disastrata arteria E45.

Un fascicolo arricchito dal fatto che sono stati trovati rifiuti speciali nel materiali franato, come emerso qualche giorno fa.

L’ultimo capitolo delle travagliate vicende della E45tra neve, ghiaccio, chiusure e buche giganti – porta di nuovo al crollo di parte della carreggiata, tra la corsia di marcia e il bordo di una piazzola, nei pressi di Pieve Santo Stefano. Nel frattempo sono stati eseguiti lavori urgenti di ripristino da parte di Anas. E il materiale crollato è stato poi rimosso e stoccato da parte di una ditta della Valtiberina. Sull’episodio, evidente dai primi giorni di marzo, è stata aperto un fascicolo da parte della Procura di Arezzo. Con il passare dei giorni gli inquirenti hanno formulato l’ipotesi di “disastro colposo”. Nel frattempo sono stati eseguiti lavori urgenti di ripristino da parte di Anas. E il materiale crollato è stato poi rimosso e stoccato da parte di una ditta della Valtiberina. I carabinieri forestali, nel corso di un accertamento nel sito dove il materiale è stato stoccato, hanno rilevato delle anomalie. In particolare, non avrebbero trovato “terre e rocce da scavo”, etichetta con la quale il materiale era stato stoccato. Secondo i carabinieri forestali si tratterebbe di materiale classificabile come“rifiuti speciali da costruzione e demolizione”.

@MattiaCialini

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morì in vacanza giù dal balcone, Vanneschi e Albertoni condannati a 6 anni. Il padre: "Giustizia fatta"

  • Eventi

    Dal 2019 il presepe vivente delle Ville di Monterchi ad Arezzo. Trattativa-lampo per un altro allestimento da subito

  • Attualità

    Ponte Buriano, riapertura in anticipo. Chiassai: "Ma resta vietato ai mezzi pesanti. Ora un ponte alternativo"

  • WeekEnd

    Patti Smith a Cortona, laboratori per bambini e la Città del Natale: Arezzo pronta per il nuovo weekend

I più letti della settimana

  • Taglio del nastro ad Arezzo per il negozio di Alessandro Del Piero

  • Schianto sulla regionale 69 vicino Indicatore: grave un 33enne ferito al volto

  • "Così i soldi sporchi diventavano oro", quattro aretini arrestati per riciclaggio. Blitz a Castiglion Fibocchi

  • Trattamento laser mininvasivo. Il neurochirurgo aretino DiMeco e una nuova terapia contro il tumore

  • Ambulanza trasporta intossicata e fa un incidente. Finiscono all'ospedale in 4, compresi i soccorritori

  • "Ho investito 15mila euro in un allevamento di Arezzo, poi il nulla". Il racconto a Striscia la Notizia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento