Coronavirus, paziente dell'ospedale di Bibbiena positivo: reparto chiuso e tamponi per 15 malati

L'uomo, un 73enne, è stato oggi trasferito all'ospedale di Arezzo. Ad una cinquantina di operatori sarà sottoposto il questionario da parte del medico competente per le opportune valutazioni dell’esposizione al rischio

Era ricoverato in riabilitazione presso il reparto di Medicina dell'ospedale di Bibbiena e non aveva nessun sintomo che facesse pensare ad un contagio. Invece al momento delle dimissioni, un paziente 73enne è stato sottoposto al tampone ed è risultato positivo al Coronavirus. 

Adesso sono scattate tutte le procedure per evitare il diffondersi del virus: chiuso il reparto per la sanificazione e via ai tamponi per gli operatori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 73enne è stato oggi quindi trasferito all'ospedale di Arezzo.  Nel frattempo sono stati eseguiti i tamponi ai 15 pazienti del reparto. 
Ad una cinquantina di operatori sarà sottoposto il questionario da parte del medico competente per le opportune valutazioni dell’esposizione al rischio.
La Medicina del Territorio sta intervistando anche gli altri contatti dei ricoverati per agire secondo le procedure.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento