Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

Al momento nessun paziente positivo nella Asl Toscana Sud Est: "Eventuali casi a rischio che fino ad oggi si sono rivelati tutti negativi

Foto d'archivio

Tante persone al pronto soccorso di Arezzo, tantissime le telefonate - da tutta Italia -  al numero verde attivato dalla Asl Toscana Sud Est. Il Coronavirus, dopo la scoperta dei due focolai in Veneto e in Lombardia, spaventa. Il tam tam tra gli aretini in merito a persone sotto monitoraggio non trova però conferme: l'Azienda sanitaria ha ribadito che "non vi sono pazienti né accertati né sospetti nella provincia di Arezzo". Anche se sarebbero stati fatti vari accertamenti, tanto è vero che "l'Azienda Toscana sud est . si legge in una nota - in considerazione delle disposizioni adottate dal Ministero della Salute e dalla Regione Toscana, ha adottato tutte le misure di sorveglianza e controllo per la malattia infettiva diffusiva Covid-19 e giornalmente approfondisce eventuali casi a rischio che fino ad oggi si sono rivelati tutti negativi".

Nella giornata di oggi sono emersi anche i primi dati ufficiali sulla pericolosità del virus. E sembra meno letale di quanto inizialmente ipotizzato. "Nell'80 per cento dei casi causa sintomi lievi e all'incirca il 95 per cento delle persone guarisce senza gravi complicazioni" ha dichiarato all'Agi Giovanni Maga, direttore dell'Istituto di Genetica Molecolare del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pavia, commentando il più grande studio condotto in Cina.

Intanto però si consumano ore frenetiche per gli operatori della sanità. La task force regionale si è riunita proprio nel primo pomeriggio: la situazione infatti evolve di ora in ora e su è parlato della  possibilità di realizzare un pre-triage nei pronto soccorso, dove indirizzare i pazienti con sintomi influenzali.

Arezzo fa prevenzione: così sono state recepite le direttive del Ministero

La situazione aretina

Alle 17,30 del pomeriggio non sono emersi dati ufficiali su persone contagiate o in isolamento per accertamenti. Ci sono gli studenti monitorati da alcuni giorni: pochissime unità, tre per la precisione. Non avrebbero nessun sintomo, ma erano tornati in Cina dalle famiglie per capodanno e al loro rientro hanno deciso di restare in isolamento. Una sorta di quarantena autoimposta che sta per concludersi.

Telefoni incandescenti

Oggi il presidente Enrico Rossi ha fatto un punto sulla situazione in Toscana. A proposito dei numeri di telefono, il Governatore ha ricordato che sono uno per ogni Asl (per la Toscana sudest, e quindi per Arezzo, è 800579579 ma sono riservati a chi ha avuto contatti con persone risultate positive al virus, e a coloro rientrati dalle aree a rischio negli ultimi 14 giorni. In base alle ordinanze ministeriale e regionale, se queste persone non chiamano commettono reato. In seguito alla chiamata, la Asl può fare sorveglianza attiva.

"Questi numeri - ha chiarito Rossi - devono essere riservati alle persone previste dall'ordinanza. Se queste chiamano, devono poter trovare libero. Le linee non possono essere intasate da persone che chiamano per avere semplici informazioni: per questo c'è il numero verde regionale (800.556060, opzione 1, attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 15)".

"Ci dicono - fa sapere l'assessore Saccardi - che in molti stanno chiamando i numeri delle aziende, che in queste ore risultano già intasati. Prenderemo tutti i nomi di chi chiama, e valuteremo l'eventualità di un esposto alla Procura della Repubblica, per uso improprio e interruzione di pubblico servizio".

Nuova ordiananza della Regione

Una nuova ordinanza regionale (che integra quella di ieri), prevede all'ingresso dei pronto soccorso percorsi dedicati per i pazienti che manifestano febbre, tosse o sintomi respiratori e un incremento della sanificazione delle strutture sanitarie, soprattutto dei luoghi più affollati. Queste misure, insieme ad un appello lanciato ai cittadini, sono state illustrate oggi pomeriggio, dal presidente Enrico Rossi, l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, i direttori generali delle aziende sanitarie toscane e una parte della task force regionale.

Fake news e preoccupazione: ecco cosa è accaduto stamani

L'appello ai cittadini

Allo scopo di tutelare al meglio la salute dei cittadini e di tutte le persone presenti in Toscana, raccomandiamo a coloro che manifestano sintomi come febbre, tosse, sintomi influenzali e di malattie respiratorie acute, di limitare per quanto possibile le visite ai degenti nelle strutture ospedaliere e in genere l’accesso ai centri sanitari affollati come Pronto soccorsi, ambulatori specialistici e di medicina generale, quando ciò non rappresenti un pregiudizio alla cura. In ogni caso, prima di recarsi in tali luoghi si consiglia il consulto telefonico con il proprio medico di riferimento.

Le 10 regole di comportamento

Le 10 semplici regole di comportamento del Ministero della  Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità per proteggersi dal coronavirus:

1-Lavarsi spesso le mani

2-Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute

3-Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani

4-Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce

5-Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico

6-Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol

7-Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o si assistono persone malate

8-I prodotti Made in China e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi

9-Contattare il Numero Verde 1500 se hai febbre o tosse e sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni (per le zone di Siena,Grosseto e Arezzo l’AUSL

Toscana sud est ha attivato il numero unico aziendale 800579579)

10-Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Terribile schianto in A1: quattro vittime tra cui due bimbi

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Boscaiolo 47enne muore schiacciato da un albero. E' un incidente sul lavoro

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento