Salta il college in Inghilterra per due classi della Cesalpino. "Per noi genitori un sospiro di sollievo"

Da capire come saranno gestiti gli eventuali rimborsi e se la gita studio sarà del tutto annullata

La vecchia sede della Cesalpino in porta Buja adesso chiusa per lavori.

"Per i genitori alla fine è stato un sospiro di sollievo, anche se adesso c'è da capire come si organizzeranno, se sarà possibile rimandarla di qualche settimana, oppure se sarà necessario chiedere il rimborso."

Prima di tutto la salute, ma il pensiero va anche ai sacrifici fatti dai genitori per permettere ai loro figli di fare la tanto agognata gita di studio in un college del sud dell'Inghilterra, con visita anche di Londra. Questa la situazione in cui si ritrovano le famiglie di due classi della scuola media Cesalpino, una seconda e una terza, che sarebbero dovute partire il 5 marzo per una settimana di soggiorno d'istruzione in un college.

Con la direttiva del ministero assunta sabato sera e in vigore da domenica 23 febbraio tutte le gite scolastiche e le uscite didattiche sono state sospese a causa del diffondersi del Coronavirus anche in Italia. 

"Ieri mattina è stata l'insegnante che li avrebbe accompagnati ad avvertirmi - spiega Simona Donnini, rappresentante di classe della seconda in questione - ho girato il messaggio a tutti i genitori, che già da qualche giorno erano in apprensione e non sapevano se mandare o meno il figlio in gita, alla fine la decisione presa dal Governo ha fatto chiarezza e loro stessi hanno tirato un sospiro di sollievo."

La partenza era vicina e qualcuno, nonostante i pagamenti effettuati, stava pensando di non mandare affatto il figlio in Inghilterra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sì molti hanno pagato tutta la quota che è di circa 900 euro, un prezzo agevolato per quel collage, ma comunque impegnativo per le famiglie che lo hanno versato in due rate, la seconda delle queli pochi giorni fa. Adesso c'è da capire nel dettaglio cosa prevede assicurazione e contratto stipulato per la gita per poi chiedere il rimborso."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento