Crac Etruria: richieste condanne per Bronchi e Fornasari

Assoluzione richiesta per il funzionario David Canestri. L'udienza si è svolta quest'oggi presso la Corte d'Appello di Firenze per quello che riguarda il filone d'inchiesta di ostacolo alla vigilanza

E' stato il sostituto procuratore Domenico Manzione a chiedere quest'oggi, durante l'udienza che si è tenuta in Corte d'Appello a Firenze, la condanna per Luca Bronchi e Giuseppe Fornasari, rispettivamente ex direttore generale ed ex presidente della vecchia Banca Etruria e per i quali sono state richieste pene che vanno da due ad un anno e otto mesi.
Così si è chiusa l'udienza inerente il filone d'inchiesta legato all'ostacolo alla vigilanza. Nel mirino della magistratura, oltre a Fornasari e Bronchi anche il funzionario David Canestri per il quale però sarebbe stata richiesta l'assoluzione. 

In primo grado tutti  e tre erano stati assolti poi, in seguito anche alle deposizioni durante il processo di appello dell''ispettore di Bankitalia Emanuele Gatti, era stata riaperta l'istruttoria. In quella stessa circostanza emerse come secondo Gatti, la ex Popolare avesse sottovalutato le sofferenze e come la cessione dell’immobiliare Palazzo della Fonte non fosse una vera vendita, ma un’operazione più ambigua per la quale parte degli acquirenti sarebbero stati finanziati dalla stessa Banca Etruria. Accuse, all'epoca, rispedite al mittente da parte degli avvocati  difensori, Antonio D’Avirro per Fornasari, Luca Fanfani per Canestri, Carlo Baccaredda Boy e Stefano Lalomia per Bronchi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Trasporto eccezionale perde lastre di cemento in curva. Chiuso lo svincolo al ponte dell'ex Lebole

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Schianto auto moto, due 19enni feriti: uno soccorso con Pegaso

  • Ciclista travolto da un'auto. La conducente: "Non l'ho visto", scatta la denuncia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento