Percosse, minacce e telefonate a raffica: 45enne condannato per stalking nei confronti della moglie

Gli atti persecutori avrebbero avuto una escalation nell'arco di alcuni anni, fino a quando la donna ha deciso di denunciare la situazione

Telefonate a raffica, minacce, insulti, violenze psicologiche. Un inferno, quello raccontato da una 45enne dell'Aretino, che è durato circa 10 anni, ovvero per tutto il periodo del matrimonio. Un inferno al quale la parola fine è stata scritta oggi in un'aula di tribunale con una condanna a un anno e sei mesi  per il marito, accusato di maltrattamenti in famiglia e stalking. 

Una vita che doveva ruotare, stando a quanto ha riportato la donna, intorno al "padre-padrone". Disseminata di minacce e vessazioni, di attimi di paura e di percosse e atti persecutori. Fino a 27 telefonate, una dietro l'altra in un giorno sarebbero infatti arrivate al cellulare della 45enne. La sua storia è stata ripercorsa nelle aule di tribunale, di fronte al collegio presieduto dal giudice Gianni Fruganti che oggi ha pronunciato la sentenza. La donna, assistita dall'avvocato Anna Boncompagni, si era costituita parte civile e da oggi potrà chiudere questa pagina della sua vita. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento